Lazio, l’ex Fish racconta: «Zeman mi voleva ad ogni costo»

© foto www.imagephotoagency.it

L’ex Lazio Mark Fish ha raccontato il suo approdo in biancoceleste dopo la Coppa d’Africa

In una lunga intervista a The Bolton News, l’ex Lazio Mark Fish ha raccontato il suo approdo alla Lazio dall’Orlando Pirates, subito dopo la Coppa d’Africa.

«Dopo la Coppa Nazionale Africana, le persone che mi rappresentavano mi dissero che Lazio e Manchester United mi volevano. Sono andato al Manchester e li ho guardati contro l’Everton quando Kanchelskis era partito e stava giocando contro di loro.

Era un lunedì sera ed ero seduto con Sir Alex Ferguson nel suo ufficio, mi disse che era stato consigliato da Sir Bobby Charlton, che aveva assistito alla Coppa. Voleva che mi allenassi con loro e vedessi come ci ero adattato all’ambiente circostante. I miei agenti non dissero di no, ma aggiunsero anche che eravamo obbligati a scegliere la Lazio. L’abbiamo fatto, l’allenatore era Zeman, voleva che firmassi subito.

Firmai per la Lazio a febbraio, l’accordo era di 2 milioni (un milione al club, 500 mila per me e 500.000 divisi tra gli agenti, questo era l’accordo. L’Orlando Pirates non era troppo sicuro degli agenti coinvolti, quindi il presidente incontrò il club ed ebbe due milioni di dollari. Il mio procuratore mi chiamò e di disse: ‘Hanno preso tutti i soldi’. E io: ‘Ok. Dovrei tornare in Sud Africa e dispiacermi per me stesso? Solo soldi’. Fortunatamente poi ebbi l’opportunità di passare al più grande club del Regno Unito».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy