Lazio, parla Grosso (AIC): «Navighiamo a vista, tante cose da valutare quando si tornerà» E su Lotito…

© foto www.imagephotoagency.it

Lazio, le parole di Leonardo Grosso, membro dell’AIC in merito a numerosi questioni legate all’emergenza coronavirus

Tutto in stand-by. Il calcio così come l’Italia e l’Europa ancora strette nella morsa del coronavirus. Non si sa se si riuscirà a tornare a giocare e con quali modalità. Queste le parole di Leonardo Grosso, membro dell’AIC, ai microfoni di Radio Bianconera.

«Perché Lotito e la Lazio vogliono tornare ad allenarsi subito? Io sono perplesso anche sulla data del 3 aprile. Non mi pare che quella della Lazio rappresenti una posizione maggioritaria nel modo più assoluto. I tagli agli stipendi? Io capisco che sia un argomento da gossip, ma la cosa più importante non è questa. Supponendo che arrivi il picco a metà aprile forse ne riparleremo a metà di maggio. Dobbiamo vedere cosa succederà con le coppe. Ci sono tante cose da vedere a monte. È chiaro che è una cosa importante, ma viene a seguire. Non sappiamo neanche come finiranno i campionati. Prima viene la salute di tutti, poi vedremo. Io mi preoccupo di altre cose. Quando si tornerà a giocare ci sarà il problema medico, con i test da ripetere, e poi c’è un fondato rischio che con il 30 giugno non si finisca nulla. A quel punto bisogna cambiare l’inizio della nuova stagione, non si possono certo cambiare le squadre a fine giugno. Stiamo navigando a vista. In Italia sicuramente stiamo male, ma altri Paesi sono all’inizio del contagio, quindi non sappiamo a che punto saranno a giugno».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy