Lazio, Colasanto: «Non intervenire sul mercato sarebbe un peccato»

© foto www.imagephotoagency.it

L’agente Fifa, intervenendo a Radiosei questa mattina, ha parlato di mercato ed in particolare dei movimenti della Lazio

Questa mattina, ai microfoni di Radiosei, è intervenuto per parlare di mercato, l’agente Filippo Colasanto.

Durante il programma Dove Osano Le Aquile, il procuratore ha dichiarato: «Mercato Lazio? La tradizione di Lotito fa pensare che non si faccia nulla, ma sarebbe un peccato. I biancocelesti sono in crescita, a pochi punti dalla vetta e non ha impegni internazionali: non fare un acquisto importante per sostenere una rosa sarebbe un autogol clamoroso. Kiyine? Tecnicamente sembra veramente bravo, ma non credo possa bastare: l’Olimpico di Roma è una cosa, l’Arechi di Salerno è un altro». Colasanto ha detto la sua anche sul ritorno di Ibrahimovic: «Il Milan ha un enecefalogramma quasi piatto, quest’operazione credo sia un tentativo di dare una scossa all’ambiente perché chi vede i rossoneri in campo ora piange. Se fossi un dirigente del vecchio diavolo mi farei un piano preciso, lo dico anche da tifoso milanista: Ibra secondo me serve ad evitare la lotta per la salvezza. Io da dirigente punterei alla Coppa Italia per arrivare in Europa League senza ammazzarsi in una scalata. La società vuole l’Europa con i controlli sui bilanci? E’ vero ma se non giochi le coppe non hai neanche appeal per portare i giocatori. I rossoneri quest’anno si sono salvati con l’esclusione dall’Europa League».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy