Lazio, Garzya: «E’ pazzesco non concedere un rigore così!»

© foto As Roma 07/11/2019 - Europa League / Lazio-Celtic / foto Antonello Sammarco/Image Sport nella foto: Sergej Milinkovic-Savic-Hatem Elhamed

Ecco le parole di Garzya

Luigi Garzya, ex difensore di Roma, Torino e Lecce, è il vice allenatore dell’Italia Under 20. Interventuto a Radio Yes, a In Yes Sport, ha parlato della sconfitta di ieri sera della Lazio contro il Celtic, della situazione in Europa League e del rigore non assegnato ai biancocelesti, che avrebbe cambiato il corso della partita. Sono ueste le sue parole.

PARLA GARZYA – «È un peccato per la Lazio che ora ha la qualificazione in Europa League davvero appesa a un filo. Ma non si può non concedere un rigore così, è pazzesco. Come può non esserci il Var in una competizione così importante? Ci dicono che l’Europa League non va snobbata, e poi vengono commessi errori così gravi, come è avvenuto anche alla Roma in casa, perché non c’è la tecnologia. Tra l’altro la Lazio è stata molto sfortunata, è una squadra che crea tanto ma ieri ha concretizzato poco. Penso che le squadre italiane dovrebbero crederci di più in questa Coppa, gli allenatori dovrebbero fare meno turn over. Purtroppo se vuoi competere a certi livelli devi avere una rosa completa, che ti consenta di fare Serie A ed Europa. Era per i biancocelesti un’occasione importante, ma l’hanno sfruttata male. Credo che insieme all’Atalanta e a tratti alla Roma, la Lazio sia la squadra che gioca il miglior calcio in Serie A. Meglio anche di Juventus e Napoli. Sono convinto possa arrivare in fondo per la corsa Champions. La Lazio ha calciatori del calibro di Correa e Luis Alberto che sono un bene per il calcio italiano, un piacere per gli occhi. Immobile? È uno dei più forti attaccanti in assoluto, a parte in Germania ha sempre fatto bene. Forse per il grande club era troppo giovane».