Connettiti con noi

Hanno Detto

Cataldi: «Indossare la maglia della Lazio è speciale, voglio diventare un simbolo per questa gente»

Pubblicato

su

Il centrocampista della Lazio Cataldi si è raccontato in una lunga intervista al canale YouTube della Lega Serie A

Danilo Cataldi, centrocampista della Lazio, si è raccontato in una lunga intervista al canale YouTube della Lega Serie A.

CUORE BIANCOCELESTE – «Gioco nella Lazio da quando ho 12 anni. Ogni giorno è sempre speciale per me. A Formello conosco qualunque cosa, per me è una seconda casa. Indossare questa maglia è qualcosa di speciale, per l’ambiente, i tifosi, la fede. Ti entra dentro e difficilmente riesci a toglierlo. Spero di raggiungere traguardi importanti con la Lazio. Ho sempre voluto diventare un simbolo per questa gente e un punto di riferimento per i nuovi ragazzi che entrano a far parte della squadra».

IDOLI – «Non ho idoli, ma ricordo che quando avevo 5 o 6 anni la Lazio era una delle squadre più forti al mondo, con calciatori straordinari e di grande personalità. In Serie A ricordo Zidane per l’eleganza, ma qui ho avuto un grande maestro, Lucas Leiva che ho ammirato professionalmente e umanamente. Gli idoli qui diventano “relativi” perché le persone con cui passi ogni giorno diventano poi quelle con cui leghi di più».

RUOLO – «Mi vedo regista, ruolo che ora richiede più mansioni: con Sarri lavoriamo sia con la palla che senza. Il mister non è uno di tante parole, ma si fa capire. Ha dimostrato sempre di essere un grande allenatore. Avevamo un modo di giocare totalmente opposto prima che arrivasse lui, all’inizio è stata dura».

RAMMARICO ULTIMA STAGIONE – «Cosa cambierei della scorsa stagione? Qualche partita, soprattutto il derby che qui rappresenta tutto. Quest’anno cercheremo di portarlo dalla nostra».

TIFOSI AD AURONZO – «Ad Auronzo si suda, ma i tifosi sono stati magnifici, ci seguono ovunque. Ogni anno in quel posto viene tanta gente e questo crea un ambiente ideale».

OBIETTIVI – «Centrare la Champions. Sarà un campionato particolare, potrà succedere di tutto».

FAMIGLIA – «La vita mi è cambiata radicalmente con l’arrivo di mio figlio. Ho una famiglia numerosa, ho tanti tifosi speciali a casa. Mio figlio è un piccolo lazialotto, viene allo stadio, vuole venire agli allenamenti, si mette la maglia della Lazio. Ho sempre desiderato una famiglia e lui è stata la gioia più grande».

Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.