Lazio, il calendario intasato non aiuta: Toro, Zenit e Juve per non compromettere il cammino

© foto Roma 24/10/2020 - campionato di calcio serie A / Lazio-Bologna / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: esultanza gol Luis Alberto

Calendario massacrante pre-sosta per la Lazio, il cammino della squadra è inoltre ostacolato dall’emergenza Covid

Il calendario fittissimo che già rappresentava una forte incognita per la Lazio e per tutte le compagini italiane impegnate in Europa, rischia di complicarsi ulteriormente dato l’allarme Covid-19 che è scattato nel club capitolino. La Lazio di Simone Inzaghi è chiamata a fare ancora una volta di necessità virtù e ad affrontare il Torino domenica alle ore 15, per poi svolgere un allenamento defaticante nella giornata di lunedì e partire alla volta della Russia martedì mattina: mercoledì c’è Zenit San Pietroburgo-Lazio, giornata cruciale per il girone di Champions League.

Domenica 8 novembre, non si gioca neppure nel posticipo: Lazio-Juventus è prevista alle 12.30 e sarà quindi il lunch-match che chiuderà questo secondo ciclo di partite: dopo la sfida ai campioni d’Italia in carica ci sarà il rompete le righe. La speranza del tecnico della Lazio è che le indisponibilità forzate possano evitare di compromettere un cammino che in campionato era cominciato col freno a mano e che in Champions invece era partito alla grande con la vittoria netta sul BVB.

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy