Lazio, Adekanye: «Un onore essere in questa squadra. Anche in questi giorni siamo uniti!»

© foto As Roma 28/11/2019 - Europa League / Lazio-Cluj / foto Antonello Sammarco/Image Sport nella foto: Omobolaji Habeeb Bobby Adekanye

Lazio, anche Bobby Adekanye ha raccontato come sta vivendo questa quarantena insieme al fratello Lekan

Momento difficile per tutti. La quarantena continua per tutti gli italiani e quindi anche per i giocatori della Lazio. Per uno sportivo è difficile rimanere in casa ma i passatempi sono tanti. Bobby Adekanye ai microfoni di voetbalzone.nl ha raccontato la sua quarantena a Roma.

«È un onore stare in questa squadra, stiamo facendo la storia. I miei compagni mi aiutano sempre nei momenti facili e difficili. La settimana scorsa Inzaghi ci ha spiegato la situazione dicendoci che per un po’ non ci saremmo più potuti allenare, giocare o uscire. Sono tornato a casa e ho detto a mio fratello che saremmo dovuti andare a fare la spesa. Così ci siamo recati al supermercato più vicino e abbiamo preso di tutto. Inizialmente avevo pensato di rientrare in Olanda dalla mia famiglia, ma ho capito che non fosse il caso, perché mi sarei dovuto sottoporre a due periodi di quarantena, prima per uscire dall’Italia e poi per rientrarci. Ma non importa, sono tranquillo qui alla Lazio: siamo in buone mani, sono certo che andrà tutto bene».

SQUADRA – «Abbiamo una chat di gruppo su WhatsApp e ci parliamo tutti i giorni. “Cosa stai facendo? Chi vuole giocare a poker online?”. Facciamo un sacco di cose insieme, sono felice che tutti stiano bene e non abbiano problemi. Questa è la cosa più importante per me».

PASSATEMPO – «PlayStation e Netflix. Ora mi sto riguardando Prison Break.  E poi gioco a FIFA. Insomma, ho tanti modi per passare il tempo in questi giorni di quarantena. Ma non vedo l’ora di tornare a giocare al calcio vero e godermi questo bellissimo sport».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy