LAVAGNA TATTICA – La Lazio è troppo perforabile tra le linee

© foto www.imagephotoagency.it

In Lazio-Sassuolo, i biancocelesti hanno concesso molto tra le linee. Troppi buchi tra centrocampo e difesa

La Lazio ha mostrato tutti i difetti visti in queste settimane, come un evidente crollo fisico nei secondi tempi e una pessima gestione degli episodi. Sta emergendo però un altro aspetto, provocati in larga parte dall’assenza di Lucas Leiva davanti alla difesa. Ossia, i numerosi spazi concessi tra le linee, con l’avversario che trova tante ricezioni interne.

Contro il Sassuolo, i neroverdi hanno trovato tante volte l’uomo centralmente, con la Lazio scoperta in mezzo.

Un esempio nella slide sotto, in cui Parolo è in ritardo e gli ospiti imbeccano Djuricic che poi si invola solo sulla trequarti. La presenza di Leiva (quando è in salute) è fondamentale poiché, oltre che intenso, è quasi sempre perfetto nelle letture. Accorcia nel migliore dei modi ed è sempre posizionato bene per proteggere la retroguardia. Una qualità fondamentale soprattutto se si gioca con mezzali di estro come Luis Alberto e Milinkovic-Savic.

Parolo va ovviamente in maggior difficoltà nel’avere compiti difensivi così gravosi. Un altro esempio nella slide sopra, in cui si trova costretto a rincorrere Djuricic su distanze lunghe ed è costretto ad atterrarlo irregolarmente per non farlo andare in velocità. Leiva è fondamentale anche perché, sfruttando molto bene il fisico, sa difendere anche sul lungo.

In quest’altra azione, invece, Traore torna al centro servendo il liberissimo Djuricic tra le linee. Parolo non scherma bene la soluzione di passaggio, con la mezzala destra (Milinkovic) attratto da Boga. Nessuno accorcia in tempo sul serbo.

Insomma, la Lazio aveva la migliore fase difensiva del campionato. Oggi invece si fa bucare con troppa facilità in mezzo al campo.