La Lazio è arrivata ad Auronzo: out Correa, Adekanye e Patric FT&VD

© foto www.imagephotoagency.it

Tre settimane dopo la sconfitta di Napoli che ha chiuso la stagione 2019/2020, la Lazio sbarca sotto le Tre Cime di Lavaredo con pochi volti nuovi.

Neppure un anno atipico caratterizzato dall’emergenza Covid ha potuto interrompere il connubio tra Lazio ed Auronzo di Cadore. Cambiano le date, muta il periodo estivo in cui i biancocelesti si alleneranno sul rettangolo verde dello Zandegiacomo, varia la divisione di calciatori e staff nei diversi alberghi, ma il binomio vincente continua. La scorsa estate Simone Inzaghi aveva rimarcato l’importanza del ritiro nella località per cui ospitare la Lazio è divenuta consolidata routine. L’allenatore piacentino sottolineò di aver vissuto il miglior precampionato da guida tecnica della Lazio, e alle sensazioni positive sono seguite una stagione strepitosa, un piazzamento Champions riconquistato 13 anni dopo l’ultima volta, la conquista di una Supercoppa italiana. La Lazio, dopo la tre giorni tra Isokinetic, Paideia, Formello e bagagli, ha messo piede ad Auronzo senza aver mutato lo zoccolo duro dell’organico. Arrivo sotto la pioggia, non si vedono Correa, Patric, Adekanye e neppure Angelo Peruzzi, ci sono invece Acerbi e Leiva. Akpa Akpro, centrocampista prelevato dalla Salernitana e il marocchino ex Chievo Kiyine i volti davvero nuovi, cui dovrebbero aggiungersi Escalante, Pepe Reina che ha rescisso col Milan e probabilmente Vedat Muriqi, centravanti del Fenerbahce in arrivo da Istanbul. La squadra è arrivata nel Cadore, giusto il tempo di sistemarsi in hotel e respirare per l’ennesima volta – la tredicesima – un’aria che comunque sarà diversa dalle altre volte. Quest’anno c’è da preparare un ritorno in Champions tanto atteso. Ecco foto e video dell’arrivo della squadra ad Auronzo di Cadore:

 

802AD355-12AC-4BDB-90DE-2380C11DDADE