La giocata del match, assurdo a Ferrara: Patric-Guida compiono il delitto perfetto

la giocata del match
© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio esce sconfitta da Ferrara ma quel che accade nel finale è clamoroso…

Succede di tutto a Ferrara e non si parla purtroppo di goal, ne di emozioni forti. Con la Lazio solo lontana parente di quella vista domenica a San Siro il match con la Spal si avviava ad un pareggio che avrebbe lasciato l’amaro in bocca vista la grande occasione di superare il Milan e distanziare la Roma ma che comunque sarebbe stato d’oro visto l’andamento del match, invece è tutto da rifare. Perchè se è vero che l’arbitro Guida nel finale da luogo a una cosa mai vista fino ad oggi è anche vero che Patric fa una sciocchezza imperdonabile.

IL FATTO – Lo spagnolo infatti atterra (?) Thiago Cionek in area: Guida mette il fischietto in bocca e fischia calcio di rigore ma il difensore della Spal si alza e di scatto dice al direttore di gara che non l’ha toccato, per paura di essere ammonito. Quindi giallo per Cionek ma non finisce qui perchè entra in causa il Var e tutto viene stravolto calcio di rigore assegnato, Petagna dal dischetto realizza il goal vittoria e Lazio sconfitta. In sequenza quindi: un giocatore dice all’arbitro che non è rigore, ma il penalty viene assegnato, una situazione che definire grottesca sarebbe poco.

STAND-BY – Oltre l’accaduto nel finale però la Lazio ha più di qualcosa da recriminare a se stessa in una gara in cui Immobile ha avuto pochissimi palloni giocabili, in cui Correa prima e Caicedo poi non fanno la differenza. Un brutto stop proprio nel momento migliore. Nessun dramma ma tanto amaro in bocca. Bisogna necessariamente voltare pagina, domenica arriva il Sassuolo e l’imperativo è solo uno: vincere.