PRIMAVERA – Inzaghi e Farris: “Ottima Lazio nonostante l’inferiorità numerica. Adesso siamo consapevoli della nostra forza”

© foto www.imagephotoagency.it

A pochi minuti dal fischio finale, ha parlato ai microfoni di Raisport, il tecnico biancoceleste, Simone Inzaghi: “L’espulsione è stato un episodio sfavorevole, ho visto un’ ottima Lazio contro un buon Empoli, abbiamo meritato questa vittoria giocando in 10 per 70 minuti. Devo elogiare i miei e tirare le orecchie a Calì. Il carattere? Non era semplice, siamo terzi in classifica, siamo contenti ma dobbiamo continuare a fare bene perché il girone è tosto, abbiamo recuperato i punti persi all’inizio. Palombi ci è mancato per diverso tempo, ci fa fare quel salto che manca, sta tornando in condizione. Alla prossima avremo qualche problema con l’espulsione di Calì e l’infortunio di Rossi.

Nel post partita, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel, il vice, Massimiliano Farris: “Calì ha commesso un’ingenuità inaccettabile per una partita importantissima come quella di oggi. Sono stati bravissimi i compagni nel recepire immediatamente il nuovo dettame tattico del 4-4-1. Siamo stati più di 75 minuti in inferiorità e non si è visto. Da qualche settimana nella Lazio è cambiato qualcosa a livello mentale, sia nell’atteggiamento che nell’approccio alle partite. Adesso c’è consapevolezza e maturazione. Da ora in avanti dipenderà tutto da noi. È stato un inizio difficile anche per qualche demerito nostro e lo abbiamo pagato. Però adesso stiamo tornando con la giusta mentalità. Abbiamo fatto una serie di vittorie importanti, intervallate per altro da due ottime prestazioni con l’inter. Oggi è il coronamento di una rincorsa e di tutto il lavoro fatto. Ora abbiamo bene in mente come affrontare i prossimi impegni”.
Sul prossimo impegno contro l’Avellino: “Non sono ammessi cali di concentrazione. Abbiamo raggiunto il terzo posto ma adesso dobbiamo essere bravi a restarci. Abbiamo anche assenze pesanti. Chi entrerà dovrà farsi trovare pronto. Il punto di forza è il carattere. Mi vengono in mente episodi anche dell’anno scorso in cui i ragazzi hanno ribaltato il risultato. La Lazio ce l’ha nel Dna, noi dobbiamo essere bravi a tirarlo fuori. Dobbiamo guardare partita dopo partita. Oggi ci siamo messi nella condizione di dipendere solo dai nostri risultati, e questo è l’importante. In questo momento viste anche le squalifiche meglio incontrare l’Avellino che non la Roma, ma comunque non dobbiamo sottovalutare nessuno. Da martedì si comincia a lavorare.
Poi un punto sulle condizioni dell’infortunato Rossi: “Ha avuto un piccolo problema alla spalla. Niente di importante, ma dovrà rimanere fuori un paio di settimane”.
Infine un commento sulla prestazione di Folorunsho: “Oggi è stato anche leggermente sottotono rispetto alle altre volte, ma è vero che lo abbiamo spostato esterno a sinistra e non lo abbiamo agevolato. Il gol è un premio per le sue prestazioni buone e per il lavoro che sta facendo. Senza Rossi e Calì probabilmente ci affideremo a Palombi centrale perché ha dimostrato di saper essere decisivo anche in questa posizione”.