Inzaghi: «Complimenti a Bastos! Immobile come Pippo? Vi dico che…»

zulte waregem - lazio inzaghi
© foto www.imagephotoagency.it

Inzaghi felice per i rinnovi di Immobile e Strakosha: «Per aprire dei cicli bisogna tenere i giocatori migliori».

Numeri pazzeschi per questa Lazio e per Ciro Immobile che ha segnato in 9 partite di campionato già 13 gol. Stasera contro il Cagliari non c’è stata partita, al termine della gara mister Simone Inzaghi è intervenuto ai microfoni di Premium Sport: «Non era una partita semplice, sapevamo che il Cagliari veniva a fare una partita di qualità. Bravi a sbloccarla subito, poi abbiamo cercato di gestire la gara. Con il gol di Bastos abbiamo chiuso la partita. Bologna? Partita difficilissima, avremo poco tempo per prepararla, loro in casa giocano molto bene». Sui rinnovi di Immobile e Strakosha: «Per aprire dei cicli bisogna tenere i giocatori migliori. Immobile e Strakosha si sono meritati sul campo questo rinnovo». Sugli obiettivi: «Veniamo da sei vittorie consecutive, adesso dovremo continuare perchè tutti si aspettano la Lazio nelle zone alte della classifica. E’ presto per guardare la classifica, noi dobbiamo preparare le partite nel migliore dei modi. Giocando ogni tre giorni non è semplice, ci aspettano due trasferte insidiose. Dovremo essere bravi a recuperare le forze fisiche e mentali. Scudetto? L’augurio è quello di rimanere nelle posizioni che contano, questi ragazzi stanno facendo benissimo. Siamo all’inizio poi fino a Natale ci sarà da pedalare e correre». Sul parallelo con suo fratello primo in B con il Venezia: «Sta facendo meglio di me, hanno creato un bel gruppo, Pippo si fa seguire. Ci sono squadre molto più attrezzate dovranno essere bravi a restare lì». 

Inzaghi in conferenza stampa

«Di cosa ho paura? Siamo in un buon momento, dobbiamo lavorare ancora così. Ma sono fiducioso perchè conosco i ragazzi che alleno, veniamo da sei vittorie consecutive ma le insidie sono dietro l’angolo e abbiamo solo due giorni per preparare una trasferta pericolosa. Oggi abbiamo concesso qualcosa all’inizio, ma al primo tempo ho detto ai miei di stare tranquilli che dovevamo solo fare il terzo gol. Avevo qualche giocatore un po’ affaticato, tipo Leiva, che ho preferito toglierlo. Bastos? E’ in crescita, gli ho chiesto come stesse, non dimentichiamo che ha fatto tre partite da 90 minuti. E’ serio, lavora duro, è stato bravissimo e gli faccio i complimenti». Immobile può essere paragonato a suo fratello? «In comune ha con Pippo mio fratello il fatto che fa molti gol, solo che lui partecipa di più al gioco della squadra. E’ l’attaccante della Nazionale è tra i più forti d’Europa, merita di stare tra i grandi come lui che forse è tra i primi 10 degli ultimi quindici anni. Il modulo? Devo vedere nelle prossime partite, dipende dalla mattina stessa. Speriamo di poter mettere tutti in condizione di giocare, poi vedremo le scelte. Lukaku lo aspettiamo, per Felipe Anderson e Wallace non è ancora il momento. I ragazzi si applicano, conoscono le giocate, meritano di essere la Lazio. Anche quelli che giocano meno, sono importantissimi per noi. Devono sempre farsi trovare pronti. Siamo una grandissima squadra».

»