Inzaghi: «Troppo importante la vittoria di oggi. Mercato? Serve un attaccante…» – VIDEO

Inzaghi lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Simone Inzaghi dopo Chievo-Lazio: «Segnare a un minuto dalla fine è stato importante. Keita? Prima si risolve questa questione meglio è per tutti».

Immobile e Milinkovic regalano i primi tre punti alla Lazio. Al termine della partita tra Chievo e Lazio, Simone Inzaghi ha analizzato il match ai microfoni di Premium Sport. «Per noi era importante vincere, sapevamo che non sarebbe stato semplice. Nel primo tempo abbiamo fatto troppo poco, non siamo stati corti e uniti. Ottimo, invece, il secondo tempo: segnare a un minuto dalla fine è stato molto importante. Mercato? Ne ho parlato ieri, la società sa che abbiamo perso un ottimo difensore come Hoedt, che ha chiesto di giocare con continuità, e andrà sostituito. Poi dovremo vedere come si risolverà la questione Keita e in caso di addio servirà una punta, dopo la sosta giocheremo tre volte fino a a Natale. Keita potrebbe restare? In questo momento prima si risolve questa questione meglio è per tutti. E’ stato importante ma sappiamo che probabilmente uscirà e dovremo sostituirlo. Mancano quattro giorni, in un modo nell’altro dovremo fare qualcosa. Rispetto all’anno scorso dovremo giocare ogni tre giorni: servirà rotazione, sarà tutto più difficile.. Sistema di gioco? In determinate partite potremo cambiare. Caicedo ha avuto un buon impatto, sul mercato dovremo prendere un giocatore diverso da lui e da Immobile». Infine un commento sulla sfida tra Spagna-Italia con la probabile coppia Belotti-Immobile in avanti:  «Sono due grandi giocatori, io mi tengo Immobile. Ci sta dando tantissimo non solo in termini di gol ma anche in prestazioni: Ventura saprà valutare».

 

Il tecnico biancoceleste è poi intervenuto ai microfoni di Sky Sport: «Avevamo voglia di vincere la prima partita e sapevamo che non sarebbe stato facile. Nel primo tempo abbiamo aiutato il Chievo a tornare in partita. Abbiamo fatto poco per vincere, nella ripresa la situazione è cambiata e abbiamo meritato. Abbiamo fatto un approccio sbagliato, siamo andati in vantaggio ma poi ci siamo seduti e siamo stati troppo passivi. Ci siamo guardati e abbiamo capito cosa fare cambiando registro, concedendo poco o nulla e avendo tante occasioni. Forse ho esagerato con l’esultanza, ma ci sta siamo all’inizio del campionato. Adesso avremo quindici giorni per lavorare nel migliore dei modi con quelli che resteranno a Formello. Cercheremo di recuperare Felipe Anderson che per noi è molto importante. Keita? Io l’ho detto ieri, dobbiamo fare in fretta per capire cosa succederà. Se dovesse uscire, va sostituito perché da qui a Natale giocheremo ogni tre giorni. Rispetto all’anno scorso sarà tutto più difficile a livello di energie fisiche e mentali. Dovremo sostituire Hoedt che è stato un giocatore importante. E’ arrivata una proposta, abbiamo provato a trattenerlo con la società, ma lui voleva giocare sempre e lo abbiamo ceduto. Adesso dobbiamo coprire il buco lasciato da lui. Milinkovic-Savic? Sergej è in continua crescita. Può fare ancora di più, stasera è stato determinante. E’ tecnico, ha grandissima fisicità, dove gli altri vanno di testa, lui ci arriva di petto.  Lui deve mantenere la stessa umiltà e continuare così. Quando sono arrivato non ha mai giocato, poi ha avuto la sua chance e l’ha sfruttata alla grande e non ho più potuto fare a meno di lui».

 

In seguito, l’allenatore piacentino è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio: «La gara? Penso che abbiamo fatto un buon secondo tempo, ma possiamo fare ancora meglio. Il gol di Milinkovic è stato una liberazione».

Eri fiducioso per questa vittoria?

«Non è mai facile giocare qui, la Lazio non ha una buona tradizione. Penso che stasera, specie nel secondo tempo, abbbiamo meritato la vittoria. Avremo 15 giorni per recuperare le energie e preparare la partita contro il Milan».

Modulo?

«Con questo modulo gli esterni spendono tanto. Abbiamo la fortuna di avere dei ricambi. Nel secondo tempo si è vista una Lazio con lo spirito giusto. In questo modo ci potremo togliere diverse soddisfazioni. Al di là dei moduli, conta l’interpretazione della squadra. Quest’anno per noi sarà più difficile, ma vogliamo rimanere nelle parti che contano».

Lazio-Milan?

«Il Milan si è rinforzato tantissimo, è una delle favorite per vincere lo scudetto. Noi dovremo preparare la partita nel migliore dei modi e cercare di mettere in difficoltà i rossoneri».

Errori commessi nella partita di questa sera?

«In tante cose nel primo tempo abbiamo sbagliato, per esempio qualche disimpegno di troppo che, con il tempo, cercheremo di migliorare».

 

Infine, Simone Inzaghi ha risposto alle domande dei cronisti presenti nella sala stampa dello stadio Bentegodi nel corso della consueta conferenza stampa:

La partita?

«Nel primo tempo abbiamo fatto poco, siamo stati passivi, i ragazzi non mi sono piaciuti, dovevemo fare di più. Non avevamo il piglio giusto. Nel secondo tempo siamo entrati bene in partita, potevamo fare gol anche prima. Volevamo con tutte le nostre forze la prima vittoria in campionato. Era una partita importante per noi, venivamo dal pareggio interno contro la Spal. Il gol è stata una liberazione, l’avevamo sfiorato in altre occasioni. Vincere a Verona non è mai semplice. La vittoria ci dà fiducia per il futuro».

Felipe Anderson?

«E’ un giocatore che ci sta mancando, ha fatto un precampionato davvero importante. Stava facendo molto bene, ha avuto un problema fisico che poi si è rilevato essere qualcosa di più importante. Cercheremo di recuerarlo al 100%».

Keita se fuori rosa, la Lazio tornerà sul mercato?

«Dobbiamo far chiarezza su questa situazione. Mancano cinque giorni alla chiusura del mercato, dobbiamo trovare una soluzione. In più, dovremo cercare di sostituire Hoedt».

Una prova di forza della Lazio?

«Alla fine del primo tempo mi sono arrabbiato, non ero contento di come stavamo giocando. Considerando la prestazione del secondo tempo, mi dispiaceva non fosse arrivato ancora il gol del vantaggio».

Ti aspettavi un Chievo così qualitativo?

«Rispetto all’anno scorso il Chievo mi è sembrato di voler giocare di più la palla, fermo restando che è sempre difficile vincere a Verona. Non saranno molte le squadre che riusciranno ad uscire vincitrici dal match contro i gialloblù».

 

Mister Inzaghi in conferenza stampa. #ChievoLazio #lazionews24

Pubblicato da Lazio News 24 su Domenica 27 agosto 2017