Inzaghi: «Il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto». Sugli infortunati…

convocati
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole del tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, al termine della gara di Europa League contro il Siviglia

Tanta amarezza e delusione per la sconfitta di oggi ottenuta dalla Lazio contro il Siviglia. Al termine della gara, Simone Inzaghi, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport«Abbiamo preso un gol evitabile, sapevamo che il Siviglia era bravo nelle ripartenze. Loro sono una buona squadra, bravi tecnicamente. Siamo stati bene in campo e abbiamo avuto situazione che dovevamo sfruttare meglio. Nel secondo tempo abbiamo rischiato ma abbiamo anche creato. I numeri dicono che la partita doveva finire pari. In questo momento siamo accorto di uomini, e i cambi sono stati forzati. Il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, accettiamo la sconfitta e mercoledì andremo a giocare la partita di ritorno con fiducia». 

INFORTUNATI – «A Parolo gli si è girata la caviglia, ha stretto i denti ma nel secondo tempo non poteva scendere in campo. Sicuramente salterà la sfida con il Genoa. Per Luis Alberto un problema all’adduttore, è in dubbio per la gara di campionato. Immobile? Sta meglio così come Milinkovic. Le prossime 48 ore saranno decisive per il loro recupero». 

Inzaghi a Lazio Style Channel

«E’ un momento delicato per quanto riguarda gli infortuni. Abbiamo tante defezioni che dobbiamo esser bravi a sopperire. Mercoledì a Siviglia giocheremo la gara di ritorno. Stasera, con un po’ di cattiveria in più, saremmo riusciti almeno a pareggiarla. Ritorno? Bisognerà fare una grande gara di personalità, troveremo uno stadio pieno che spingerà la squadra. Adesso pensiamo alla partita contro il Genoa, che sarà molto importante. Recuperi? Su Immobile c’è fiducia, bisognerà valutare Milinkovic, che sta meglio. Parolo non ci sarà sicuramente, sugli altri rimangono dei punti interrogativi. Luis Alberto si è infortunato, Pedro Neto non è in lista. Ho dovuto fare tre cambi forzati, non ho potuto dare il cambio davanti. Similitudini tra formazioni? Giochiamo con lo stesso modulo, è una squadra esperta. Nel primo tempo dovevamo essere più bravi, nel secondo li abbiamo limitati molto. Banega? E’ un giocatore importante, ma hanno dei validi sostituti. Domenica avremo una partita molto difficile, contro una squadra in salute. Dovremo essere bravi ad affrontarla nel modo giusto».

Inzaghi in conferenza stampa

Il Siviglia ha meritato di vincere?

«Per me è stata una partita alla pari, anche i numeri lo dicono. Nel primo tempo abbiamo subito 3-4 ripartenze su cui dovevamo lavorare meglio. Il gol preso era evitabile, poi abbiamo avuto una clamorosa occasione con Marusic e poi con Correa. Strakosha poi ha fatto poche parate, questa partita non si doveva perdere. E’ un momento con cambi forzati e con elementi in meno, qualcuno era stanco, ma comunque abbiamo perso contro una squadra forte. Ora testa al Genoa e poi a mercoledì per il ritorno».

Come stanno gli infortunati?

«Parolo dopo 7-8 minuti è caduto male sulla caviglia, Bastos ha avuto un problema all’adduttore e Luis Alberto ha risentito il problema all’adduttore. Poi domani valuteremo Berisha per il polpaccio. Per Immobile c’è grande fiducia per domenica. Milinkovic si sente meglio e vedremo. Lukaku e Wallace saranno ancora out per Genova».

Le probabilità di qualificazione? Come ha visto gli ex giocatori della Serie A?

«Loro adesso sono favoriti, ma stasera noi abbiamo giocata con qualche defezione, il pareggio a parer mio era più giusto. Dovremo essere bravi al ritorno a fare meglio. Il Siviglia ha grande qualità con giocatori come Kjaer, Vasquez, Banega, sono molto bravi nelle ripartenze».