Inzaghi: «Battiamo la Dinamo e voliamo ai quarti! Sono contento che non ci sia il VAR domani». E su Felipe e Luis…

© foto www.imagephotoagency.it

Simone Inzaghi presenta Dinamo Kiev-Lazio – durante la conferenza stampa della vigilia – gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League

Ventiquattro ore a Dinamo Kiev-Lazio. Sfida importantissima. Dentro o fuori. Si riparte dal 2-2 di Roma, con gli ucraini in lggero vantaggio. Non è concesso alcun margine d’errore per i biancocelesti. Mister Inzaghi presenta la gara nella conferenza della virgilia:

E’ una fase cruciale per la Lazio?
E’ un ottavo di finale, ci teniamo tanto e sappiamo quanto ci abbiamo speso per arrivarci. Ci siamo arrivati meritatamente e domani cercheremo di fare una partita importante per passare il turno. Stiamo facendo una stagione molto positiva e vogliamo continuare, sapendo di dover dare il massimo in questi ultimi tre mesi.

Che importanza ha l’Europa? E che ne pensa delle dichiarazioni di Wenger?
Per quanto riguarada l’allenatore dell’Arsenal, ha nominato chi ha più blasone e spende di più. Vedremo che succederà. Domani è molto, molto importante come lo era la Coppa Italia. Per il campionato ci lavori dieci mesi su dodici. Cercheremo la migliore formazione, ho visto bene i ragazzi, vedremo chi la spunterà.

E’ stato difficile preparare questa partita dopo gli episodi di Cagliari?
Abbiamo avuto tre giorni, a Cagliari avete visto gli episodi ma non voglio parlarne più. Ci sono comunque episodi che vanno continuamente contro la Lazio, questa VAR va usata nel modo giusto. Ho qualche problema di formazione, ma ho 19 giocatori in piena forma. A Luis Alberto è nato il bambino, ha saltato un allenamento, ma è tornato per esserci a tutti i costi e voglio questo spirito. Solo così le cose vanno bene.

Luis Alberto potrà giocare con Felipe Anderson? Domani il VAR non c’è…
Sono contento che non ci sia il VAR in Europa, l’ho già detto sei mesi fa. Luis Alberto non è in ballottaggio con Anderson, ma con Murgia per fare la mezz’ala. Milinkovic doveva esserci inizialmente in quel ruolo, ma è voluto esserci a tutti i costi contro il Cagliari e poi ha avuto dolore.

Che tipo di gara sarà domani?
La gara d’andata mi ha dimostrato che è una buona casa, di grande tradizione con ottimi giocatori che non pensano solo a difendersi. Hanno coraggio e identità. Noi domani dovremo far meglio, all’andata ci siamo allungati troppo. Dovremo far gol, ma stare anche attenti alle loro ripartenze.

 

 

 

Articolo precedente
europa leagueDinamo Kiev-Lazio, aperto il settore ospiti: ecco i dettagli
Prossimo articolo
Parolo: «Teniamo molto a questa partita, una vittoria sporca e cattiva può farti crescere»