Connettiti con noi

News

Immobile: «La sfida col Bayern un premio, Lewandowski il più forte»

Pubblicato

su

Alla vigilia della super sfida di Champions tra Lazio e Bayern Monaco, Ciro Immobile ha rilasciato un’intervista a UEFA.com

Ci siamo, Lazio-Bayern Monaco si sta avvicinando sempre di più. In questa gara di andata degli ottavi di Champions League ci si gioca una bella fetta di qualificazione ai quarti. In ogni caso, sarà una partita incredibile per i biancocelesti, che la attendono da tantissimo tempo. Inoltre, sarà una sfida anche tra i due migliori attaccanti europei della passata stagione: Ciro Immoible (vincitore della Scarpa d’Oro) e Robert Lewandowski.

Alla vigilia del match dell’Olimpico, il centravanti della Lazio ha rilasciato un’intervista ai microfoni di UEFA.com, in cui ha parlato della partita di domani e del duello con il polacco.

SU LAZIO-BAYERN MONACO – «È giusto considerare questa sfida un premio. Affrontare i migliori ti dà sempre più soddisfazione e motivazioni. Ovviamente sarà una partita difficilissima. Cercheremo di fare del nostro meglio in entrambe le partite, sapendo di non dover cambiare il nostro stile di gioco. Faremo sempre quello che sappiamo, con la consapevolezza di dover dare qualcosa in più per giocare la partita perfetta. Il Bayern è una squadra molto offensiva e veloce, che gioca un calcio totale, quindi sarà difficile fermarlo quando attacca. Cercheremo di dargli qualche problema sfruttando i suoi punti deboli. Chiaramente non avremo così tante occasioni come nelle scorse partite, quindi dobbiamo rimanere concentrati e provare a coglierlo di sorpresa. Affrontiamo i vincitori dell’ultima Champions League. Per noi è fondamentale capire ogni aspetto della partita, ma comunque vada saremo soddisfatti di quello che abbiamo fatto in Champions League. Arrivare qui dopo 20 anni è un grande risultato per il club e ci dà gioia».

SU LEWANDOWSKI – «Che cosa mi piace di più di Robert Lewandowski? Che non è mai soddisfatto. Ogni anno cerca di migliorare e di superare i suoi limiti, anche se è già un giocatore eccezionale. È un attaccante completo. Credo che attualmente sia il centravanti più forte del mondo, quindi dovremo stare molto attenti. È stato incredibile batterlo nella Scarpa d’Oro. Sfidare grandi giocatori come lui e Cristiano Ronaldo mi rende molto felice».

SU SIMONE INZAGHI – «Dato che era un attaccante, il mister preferisce che la squadra giochi un calcio offensivo e questo rende le cose più semplici per noi attaccanti. È molto importante. Come abbiamo visto, il nostro stile di gioco, sia in Serie A che in Champions League, è sempre stato divertente e votato all’attacco. Preferiamo segnare più gol dei nostri avversari anziché cercare di non subirne. Dunque, da questo punto di vista ho un grande vantaggio. Simone Inzaghi sapeva come giocare con i compagni, a volte preferiva servire l’assist che segnare. A volte mi dà consigli su questo. Se mi ricorda che ha segnato quattro gol in una partita di UEFA Champions League? Sì, lo fa spesso! Di solito me lo dice qualche giorno prima della Champions».

SULLE QUALITA’ DI UN ATTACCANTE – «L’egoismo è un tratto comune degli attaccanti. Quando hai la porta davanti non pensi a nient’altro. Per istinto, gli attaccanti vogliono segnare a tutti i costi; a volte significa prendere decisioni d’impulso che in quel momento possono essere sbagliate. Molti miei gol arrivano grazie al lavoro di squadra e alle manovre, altri solo per istinto. Se sono superstizioso? Sì, certo. Ognuno ha le sue superstizioni e io sono anche del sud, quindi… Cerco di seguire la stessa routine quando gioco una partita. Voglio sempre segnare, ma so che non è sempre possibile; quando non riesco a segnare, cerco di rimanere concentrato sul gioco di squadra».

Advertisement