Connettiti con noi

Campionato

Immobile: «Dovevamo chiuderla prima. Gol? Ho sempre avuto fiducia»

Pubblicato

su

Ciro Immobile ha parlato nel post partita di Lazio Benevento. Queste le sue parole ai microfoni di Sky Sport

Ciro Immobile ha parlato poco prima del fischio d’inizio di Lazio Benevento. Queste le sue parole, rilasciate ai microfoni di Sky Sport.

SULLA GARA – «Abbiamo fatto 35 minuti eccezionali e dovevamo chiudere la partita prima. Anche se stavamo 3-1 dovevamo fare altri due gol. Nella ripresa abbiamo abbassato la guardia e questo ci serve da insegnamento per chiudere prima la partita».

SUL PRIMO GOL – «Ho fatti tanti gol con questa maglia e ne vado orgoglioso. Sono soddisfatto per i gol di oggi, ma lo sono di più per la vittoria. Dobbiamo andare avanti per questo obiettivo e ci crediamo. Per il primo gol siamo molto al limite: devo rivederlo. Poi ho parlato con Depaoli e anche a lui fa piacere che non gli danno l’autorete».

SULLA CORSA CHAMPIONS – «Ciò che mi rende ottimista è la squadra: non molliamo mai e conquistiamo la vittoria anche al 90′. Siamo determinati e vogliamo andare avanti per la Champions: non molliamo mai fino a che la matematica non ci condanna. Dobbiamo essere pronti a qualsiasi cosa per lottare fino alla fine e speriamo in qualche passo falso delle altre».

SUL DIGIUNO DAI GOL – «La squadra ha bisogno dei miei gol e ne soffriva come ne soffrivo io quando segnavo. Però non sono ossessionato dal gol e lo dimostra il rigore lasciato a Correa. Vivo per il gol, ma non ne sono ossessionato».

Immobile a Lazio Style Channel

GARA – «Bisogna sempre vedere il alto positivo delle cose, soprattutto di questo secondo tempo. Non cancella i 35 minuti in cui siamo stati devastanti, ma impariamo che non possiamo mai abbassare la guardia. Soprattutto contro squadre come il Benevento».

GOL – «Mai stato un problema per me. L’ho dimostrato coi fatti, ero consapevole che se io non segno non aiuto la squadra. I miei numeri non mi interessano, come posso con tutti quelli che ho segnato? Sarebbe assurdo se me lo dicessero. La squadra ha vinto nel frattempo, i mie compagni mi hanno dato fiducia. Mi serviva un po’ di forma in più».

Advertisement