Connettiti con noi

Campionato

I dribbling in Europa: regna il Psg, sorpresa Cagliari

Pubblicato

su

In testa alla classifica Cies per quantità di dribbling troviamo Il Psg di Neymar. In Serie A regna il Cagliari, Inter in fondo

La Gazzetta dello Sport, questa mattina, ha pubblicato sulle sue pagine un interessante studio svolto dal Cies, l’osservatorio del calcio internazionale. Il focus di questa analisi è la quantità di dribbling effettuati dalle squadre dei cinque maggiori campionati europei. Le sorprese non mancano ma, d’altronde, il calcio non è fatto soltanto di gol ma anche di belle giocate e di quella capacità di ammaliare gli avversari e liberarsi sul campo proprio a colpi di dribbling.

IL REGNO DEL PSG – In testa alla classifica troviamo il Psg che, secondo lo studio del Cies, tenta il dribbling ogni 3 minuti e 58 secondi. Alle sue spalle il Lione con uno ogni 4’07”. Terza posizione per il Fulham che è però la prima della Premier League. Quarto ma in testa nella Liga il Barcellona, seguito da St.Etienne e Manchester City. All’ottavo posto spazio alle squadre tedesche della Bundesliga con lo Stoccarda che anticipa di qualche secondo il Borussia Dortmund.

SERIE A, SORPRESA CAGLIARI – Soltanto al 15° posto troviamo finalmente una squadra della Serie A. Attenzione, però, non parliamo di una in testa alla classifica del campionato italiano ma di un gruppo che sta lottando e che, momentaneamente, sta vivendo uno dei momenti più brutti della sua storia: il Cagliari. I rossoblù, infatti, sorprendono con alcune belle giocate e tentano il dribbling ogni 4 minuti e 52 secondi. Il 56,7% di questi vanno a buon fine. Subito dopo, un’altra compagine in difficoltà, il Torino di Giampaolo e, immediatamente dopo la Juventus: un tentativo ogni 6’54” e la percentuale di successo si alza a 65,4%. È necessario scorrere la classifica per trovare il Milan capolista che si colloca al 29° posto mentre l’Inter sprofonda all’81° posizione con un dribbling tentato ogni 6 minuti e 49 secondi. La percentuale di successo è del 55,1%, peggio in Italia solo Spezia e Benevento.