Connettiti con noi

Hanno Detto

Gregucci: «Non comandano le idee, ma gli uomini. Ieri vittoria importante»

Pubblicato

su

Angelo Gregucci, ex giocatore della Lazio, ha commentato la vittoria di ieri contro la Fiorentina. Ecco le sue parole

La Lazio ha portato a casa i tre punti, ma il Sarrismo è ancora ben lontano dall’essere la filosofia dello spogliatoio. Di questo e tanto altro ha parlato Gregucci, sulle frequenze di Radiosei:

FILOSOFIA – «Non comandano le idee, ma gli uomini. Quando devi fare un’altra tipologia di calcio il percorso è più lungo e duro, ma questo non giustifica una clamorosa altalena tra un match e l’altro. Ieri con la Fiorentina, la Lazio ha fatto una prestazione attenta, solida e che ti permette poi di lavorare meglio ed accorciare i tempi di adattamento. Penso che siamo in un momento in cui Sarri deve anche cercare di fare uno sforzo. Non può lasciare tutto il patrimonio lasciato da Inzaghi che aveva 4-5 giocatori di grandissimo livello. Ieri servivano i tre punti, non è stato un bel vedere, ma una gara come quella di ieri ha la sua funzione importante».

LUIZ FELIPE E ACERBI – «Ora si muovano con il reparto, prima il principio era la ricerca dell’uomo. Parliamo di concetti opposti, non può che essere sospeso il giudizio sul loro conto. In Italia gioca un bel calcio il Milan, con Pioli che sta trovando soluzioni che vanno oltre l’aspetto tattico. Il Napoli sta mettendo in piedi, con il contributo di Spalletti, una squadra che era già forte. I rossoneri mi stuzzicano di più perchè, invece, stanno creando una continuità partendo da una progettualità diversa, più profonda».