Gregucci: «Candreva sarà un valore aggiunto per l’Inter. Balotelli alla Lazio? Deve unire alle qualità un comportamento appropriato»

© foto www.imagephotoagency.it

Per affrontare i temi legati alla Lazio e più in generale anche alla sua esperienza interrotta all’Inter come vice di Mancini, è intervenuto ai microfoni di Radio Incontro Olympia, Angelo Gregucci: «Ho avuto poco tempo per conoscere e soprattutto per allenare Candreva all’Inter, perchè Antonio è arrivato in ritiro in ritardo dato il suo impegno agli Europei francesi con la nazionale azzurra e data la trattativa estenuante fra Lazio e club nerazzurro che ha portato il numero 87 a Milano, destinazione che Candreva ha fortemente voluto manifestando il suo desiderio di giocare ad Appiano Gentile sia prima che subito dopo il campionato d’Europa. Ciò nonostante, posso affermare che il centrocampista romano sarà un valore aggiunto dell’Inter, team che può vantare una rosa di altissima qualità di cui una buona parte ho allenato a Brunico. L’ex laziale, Perisic, Brozovic, Eder, Medel, Murillo, Banega li ho avuti alle mie dipendenze dopo gli appuntamenti avuti con le rispettive rappresentative, per effettuare con loro una preparazione differenziata rispetto al gruppo diretto da Mancini che nel frattempo si disimpegnava nella tournèe americana. Questi calciatori uniti ad Icardi e compagni possono portare l’Inter ai piani alti della classifica, ora tocca a De Boer ben assemblarli ed impostarli tatticamente. Successivamente, è accaduto quello che sappiamo fra Mancini e Thohir di cui ancora non ho compreso esattamente il senso ed il significato. Semplicemente ho solo detto a Roberto che qualsiasi decisione avesse preso io l’avrei accettata e rispettata
Si passa poi a parlare di Balotelli, allenato da Gregucci al City: «Balotelli alla Lazio? Dipende solo da lui… Mario, con cui ho lavorato al City a Manchester sempre con Roberto Mancini alla guida tecnica, non è più un ragazzino, dovrebbe unire alle sue indubbie qualità tecniche un comportamento appropriato e professionale. Fossi nella dirigenza biancoceleste, punterei sui più giovani e su Immobile…»