Connettiti con noi

Hanno Detto

Pancaro: «Per la Lazio sorteggio molto difficile»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Giuseppe Pancaro, ex terzino della Lazio, ha commentato il sorteggio della Lazio in Europa League: le sue dichiarazioni

Giuseppe Pancaro, ex terzino della Lazio, è intervenuto a Lazio Style Radio per commentare il sorteggio di Europa League. Le sue parole:

«Il Porto è una squadra che soprattutto in Europa si esprime su alti livelli, è abituata a questi palcoscenici è stato un sorteggio difficile per la Lazio».

PRECEDENTI – «Ricordo un ambiente molto molto caldo. Il Porto ci aggrediva dal primo minuto spinto dallo stadio e dai tifosi, una squadra che giocava ad altissima intensità. All’andata abbiamo avuto grosse difficoltà».

GARA COL SASSUOLO – «La partita ieri non l’ho vista ed è scontato dire che la Lazio, in questo momento, non riesce ad avere continuità nelle prestazioni e di conseguenza nel risultato. Io penso che ancora sia alla ricerca di un’identità che dovrebbe essere l’obiettivo primario della Lazio, deve riuscire a trovarla il prima possibile per cercare di fare quello che Sarri vorrebbe».

DIFFERENZE CON INZAGHI – «Inzaghi faceva un altro tipo di gioco basato su altri principi, i calciatori della Lazio per cinque hanno fatto quel determinato tipo di gioco completamente opposto a quello che chiede Sarri. Le difficoltà erano prevedibili, ora cominciano ad essere cinque/sei mesi e secondo me ci dovremmo essere».

FASE DIFENSIVA – «Cambia completamente tutto, Simone non giocava di reparto e ti chiedeva di andar forte sul tuo riferimento e ti permetteva di essere aggressivo. Sarri seguendo la palla magari il difensore arriva in un secondo momento sulla pressione diretta del suo avversario. L’aspetto più importante che la Lazio sta soffrendo è he mentre prima nella fase di non possesso aveva momenti per riprendersi e poi ripartire adesso con Sarri deve essere sempre attiva e questo secondo me sia dietro soprattutto in mezzo al campo stanno soffrendo questo dinamismo perché devi essere sempre concentrato a tenere i reparti stretti».

Advertisement

News

Advertisement