Europa League: Lazio, hai una tradizione da rispettare!

© foto www.imagephotoagency.it

L’Europa League è una tradizione da rispettare per la Lazio, che nella sua storia ha superato spesso gli ottavi di finale

Storia e tradizione da rispettare. Non è la prima volta che la Lazio si presenta agli ottavi di finale dell’Europa League e apre la porta per i quarti. Come ricordato dal “Corriere dello Sport”, la squadra biancoceleste ha superato il turno già quattro volte in passato: tutto facile nell’edizione 1994/1995 (il torneo era ancora chiamato Coppa Uefa), quando le Aquile superarono con un doppio 2-1 il Trabzonspor, ma furono eliminati ai quarti dal Borussia Dortmund (poi vincitore della competizione).

Tutto facile anche nella stagione 1997/1998 con il passaggio del turno a sfavore del Rapid Vienna (0-2 e 1-0), terminata con la tragica sconfitta (3-0) in finale a Parigi contro l’Inter.

Altro esito positivo nell’annata 2002/2003: agli ottavi superato il Wisla Cracovia (3-3 e 2-1) e cammino interrotto in semifinale dal Porto (squadra vincitrice all’esito conclusivo).

Tanti sorrisi pure nell’Europa League 2012/2013, o almeno fino ai quarti. Superato agevolmente lo Stoccarda (0-2 e 3-1), il percorso europeo si chiude tra le polemiche in quel di Istanbul contro il Fenerbahce.

EUROPA DA ONORARE – L’ultima apparizione della Lazio agli ottavi è avvenuta nel 2016, ma è un ricordo da cancellare: la compagine di Stefano Pioli affondò 0-3 tra le proprie mura amiche di fronte al piccolo Sparta Praga. Altre prestazioni del genere non sono ammesse, la competizione va onorata al massimo perchè in gioco ci sono storia e visibilità.

Articolo precedente
AndersonLazio-Dinamo Kiev, turnover moderato: Anderson e Luis Alberto insieme dal 1′?
Prossimo articolo
europa leagueLazio-Dinamo Kiev, dove seguire diretta TV e Live Streaming