Connettiti con noi

Campionato

Eriksson: «Non pensavo Inzaghi diventasse allenatore. Inter favorita con la Lazio»

Pubblicato

su

Le dichiarazioni dell’ex tecnico della Lazio che ha parlato di Simone Inzaghi e dello scontro con la Lazio: ecco cosa ha detto

Sven Goran Eriksson, ex tecnico della Lazio, ha parlato ai microfoni della Tuttosport del campionato di questa stagione e dell’Inter di Inzaghi, con cui c’è un passato in comune.

INZAGHI – «No, allora non ci avevo pensato, ma solamente perché era davvero molto giovane. Simone da parecchi anni ha intrapreso questa carriera, ottenendo ottimi risultati. Sta andando alla grande! Ora tocca a lui continuare sulla strada giusta con una squadra fortissima, e di prestigio, come l’Inter. Assolutamente può entrare nell’élite degli allenatori. Ora è un giovane tecnico e può tranquillamente diventare come Mancini o Simeone. Nomino loro due perché Inzaghi ha giocato alla Lazio con entrambi. E può sicuramente seguire il loro percorso».

RITORNO ALL’OLIMPICO – «Spero riceva tanti applausi. Inzaghi ha fatto grandi cose con i biancocelesti. La vita è così, si cambia. Solo Alex Ferguson di fatto ha allenato il Manchester United per un arco temporale lunghissimo. L’Inter in Italia è una di quelle squadre che storicamente vince di più. Sono gli attuali campioni, Simone proverà a trionfare anche con i nerazzurri».

INTER – «Hanno ceduto un giocatore importante, quel Lukaku che dovunque giochi, segna. I nerazzurri possono farcela e ripetersi, conquistando lo scudetto. Occhio però al Napoli, che è partito fortissimo, e al Milan che può ambire a posizioni importanti. La Roma resta un punto interrogativo, ma con Mourinho in panchina dovrebbe fare bene. Mentre la Juve quest’anno mi sembra sia già in ritardo. La Lazio? Eh, non lo so…».

LAZIO-INTER – «Una gara molto interessante, dalle mille emozioni, soprattutto per Inzaghi che dopo una vita in biancoceleste torna a Roma da avversario. Il mio cuore, per ovvie ragioni, batte per la Lazio. Mentre il cervello mi fa pensare che i nerazzurri siano favoriti. Vedremo. In ogni caso mi godrò il match dalla televisione, di sicuro».