Di Canio scrive alla Comunità Ebraica: «Non sono antisemita»

© foto www.imagephotoagency.it

Qualche mese fa fece molto scalpore l’allontanamento da Sky Sport di Paolo Di Canio, reo di aver involontariamente mostrato in diretta, un tatuaggio con la scritta “Dux”.
L’ex bandiera della Lazio non ha gradito il trattamento ricevuto e per eliminare qualsiasi dubbio sulla questione, è tornato a parlare tramite una lettera inviata al presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni.
Di seguito le sue parole:

«Sento di dover tornare su un argomento che pensavo di avere già chiarito in passato: non ho e non voglio avere niente a che spartire con idee antisemite, razziste, discriminatorie, violente. Ritengo, senza se e senza ma, che le leggi razziali volute da Mussolini siano state una terribile infamia per la storia del nostro Paese. Un’infamia che causò un’immane tragedia per migliaia di ebrei in Italia. Questa è la mia posizione convinta e determinata. Qualche anno fa ho chinato la testa di fronte al dolore di alcuni superstiti di Auschwitz che ho conosciuto nel corso di un incontro a Roma. Essendo io un personaggio pubblico, credo di dover dar conto di questo mio sentire così da contribuire, per quanto mi è dato, ad una sensibilizzazione dei nostri giovani verso sentimenti di solidarietà e rispetto, per unire e non per dividere, contro ogni forma di odio, di antisemitismo e di razzismo. Dopo quello che, mio malgrado e contrariamente alla mia volontà, è recentemente accaduto, voglio dunque ribadire questi miei convincimenti, scrivendo alla Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane perché ne sia portavoce verso tutte le Comunità, così da chiudere una pagina recente di dolore e di amarezza, anche per me».

Articolo precedente
Certi amori non finiscono, fanno giri immensi e poi ritornano…
Prossimo articolo
venturaVentura: «Nonostante le mille problematiche, la Lazio sta facendo benissimo»