Connettiti con noi

Hanno Detto

Derby, Muzzi: «Spettacolo delle tifoserie unico. Sarri o Mourinho? Scelgo il Comandante»

Pubblicato

su

Il doppio ex di Roma e Lazio Muzzi ha parlato in vista del derby di questa sera

Roberto Muzzi, ex attaccante che ha vestito la maglia sia della Lazio che della Roma, in una intervista a La Repubblica ha parlato in vista del derby di questa sera.

CHI ARRIVA MEGLIO – «Come gioco dico la Lazio, si sta esprimendo bene. La Roma anche, ha vinto una gara importante con l’Atalanta, mai biancocelesti giocano meglio. Però il derby è una partita a sé, spesso non conta come ci arrivi». 

DERBY CON TRASPORTO«Se c’è il derby, non ho impegni (ride. ndr). Lo guardo con gli amici di sempre, lo vivo con trasporto e passione. Sono laziale, ma lo spettacolo delle due tifoserie al derby è unico».

POCHI ROMANI«È un valore che bisognerebbe recuperare. Quando in campo c’eravamo io, Di Canio, Totti e De Rossi era un derby molto sentito. Adesso rimane una gara emozionante ma credo che i calciatori stranieri non possano capire a pieno il sentimento dietro a questa partita». 

ROMA E LAZIO«Calcisticamente sono cresciuto li, devo tanto alla Roma. La mia fede blancoceleste però non l’ho mai nascosta, certo ha provocato pure qualche imbarazzo (ride). Come quando fui convocato in prima squadra per la prima volta. Un impatto incredibile: c’erano Conti, Nela, Giannini. Ve la immaginate la scena? Nello spogliatoio mi venne incontro Bruno indicandomi la collanina con l’aquila che avevo al collo. Mi disse: “Quella levatela”. Non fu una mancanza di rispetto, ma per la fretta mi dimenticai di averla».

SARRI O MOURINHO«Sarri. Mi piace come insegna il suo calcio. Mou rimane una grandissimo, basta vedere quello che ha vinto. Ma mi rivedo più in Sarri».