Connettiti con noi

Hanno Detto

Delio Rossi: «Non mi priverei mai di Milinkovic, ma se non si vende adesso…»

Pubblicato

su

Delio Rossi è intervenuto sulle frequenze di Radiosei per parlare di Nazionale, Milikovic e i cambiamenti del mondo del calcio

Delio Rossi è stato ospite sulle frequenze di Radiosei. Tra gli argomenti toccati, la questione legata a Milinkovic e la campagna acquisti:

CAMBIAMENTI NEL CALCIO – «Questo calcio mi piace? Io sono innamorato del gioco, è il contorno che non mi fa impazzire. A qualsiasi ora si vede una partita di ogni livello, è onestamente anche deprezzato. Il discorso tecnico viene meno, i giocatori non possono fare 70 partite all’anno. Questi ultimi due/tre anni sono anomali tra pandemia, stadi chiusi e adesso il Mondiale. I giocatori poi vorranno far bene ai Mondiali, si prepareranno per quelli non per il campionato. Il ritiro è il momento più importante della stagione e adesso è svilito, soprattutto per quegli allenatori come Sarri che devo insegnare il loro calcio».

NAZIONALE – «Abbiamo vinto gli Europei senza avere la miglior squadra d’Europa, ma avevamo – grazie a Mancini – un gioco e i giocatori che stavano bene. Quando i giocatori non sono stati bene, non ci siamo qualificati. Trovo giusto ripartire da Mancini che è andato a scandagliare anche in Serie B e nelle Primavere per trovare i migliori. Sta cercando una strada, ma non sarà facile. Abbiamo problemi, soprattutto davanti. A metà campo siamo una buona squadra, dietro ci possiamo aggiustare».

LAZIO – «Ha un allenatore come Sarri, va messo nelle migliori condizioni se si crede in lui. La storiografia della Lazio dice che si va in ritiro per un periodo lungo, ma la società ha messo a segno colpi negli ultimi giorni di mercato. E se va in ritiro con la Primavera o i giocatori che poi vanno via in prestito, Sarri allena coloro che poi non saranno titolari. Se si vuole crescere, bisogna tenere i migliori, perchè se li vendi per garantirti una campagna acquisti qualche problema c’è. Milinkovic è il migliore centrocampista in Italia e, se non firma il contratto, si avrebbero problemi l’anno prossimo e quindi si dovrebbe monetizzare adesso. Io, tecnicamente, non mi priverei mai di lui. Non posso vendere il migliore per prenderne uno simile, ma mi rendo conto che non è facile».