De Vrij: «Vinciamo a Genova, il terzo posto non è impossibile. Sono contento di essere tornato. Rinnovo? Adesso penso solo a giocare»

© foto www.imagephotoagency.it

In vista del match di sabato contro la Sampdoria è intervenuto in conferenza stampa Stefan de Vrij.

 

Quanto ti è dispiaciuto perdere il derby e non aver giocato?

 

«Molto perché per la squadra è la partita dell’anno quindi volevo giocare, ero pronto, ma so che sono stato fuori per un po’ di tempo e il mister ha fatto una scelta tattica che ho accettato perche so che vuole il meglio per me e per la squadra. Volevo vincere questa partita con o senza di me»

 

Come ti senti in vista del match di sabato?

 

«Mi sto allenando con la squadra, anche per il derby ero pronto, mi sento bene ho un po’ di fastidio ma è normale»

 

Cosa vi ha detto il mister dopo il derby?

 

«Non è mai bello perdere una partita, fa sempre male soprattutto un derby però è già passato e dobbiamo pensare alla prossima gara. Alzare la testa ed essere pronti»

 

Cosa pensi dell’errore di Wallace?

 

«Mi è dispiaciuto perché stava facendo benissimo fino all’errore, mi dispiace perché è un bravo ragazzo e un buon giocatore. Purtroppo capita»

 

Capitolo rinnovo…

 

«Ora sono concentrato sul recupero per tornare in campo perché noi giocatori vogliamo solo giocare e pensare al calcio, poi vediamo che succederà n futuro. Non ci sono in programma incontri con la società. L’anno scorso sono stato fuori quasi tutto l’anno, ora ho giocato otto partite e per ora voglio solo giocare, sono contento di essere tornato»

 

Sul gesto di Strootman e le parole di Lulic…

 

«Sappiamo che il derby è una partita intensa, emozionante e possono succedere queste cose, noi ci concentriamo sulla partita e basta»

 

Wallace come lo vedi in coppia con te?

 

«Abbiamo già giocato insieme anche se con un altro modulo però secondo me siamo forti tutti e quattro come difensori quindi possiamo giocare insieme. L’importante è che sia chiaro quello che dobbiamo fare, lui ha fatto benissimo»

 

Con Strootman avete chiarito a fine gara?

 

«No non l’ho sentito dopo la gara, ci siamo visti prima del match in palestra allo stadio e basta»

 

Cosa manca in alcune partite alla Lazio per essere al top?

 

«Manca ancora qualcosa, con le squadre come Roma, Juve e Milan, dobbiamo essere più precisi e intelligenti. Siamo stati bravi con le altre squadre dove non abbiamo perso tanti punti»

 

Cosa ti piace della Lazio?

 

«Mi è piaciuta la squadra questo periodo, preferisco giocare perché guardando le partite sono ancora più in tensione. In questo periodo però ero tranquillo, sabato è una gara difficile contro la Samp però abbiamo voglia di vincere e torneremo da li con una vittoria»

 

Obiettivo del campionato?

 

«Vogliamo tornare in Europa come l’anno scorso, secondo me siamo sulla strada giusta e stiamo facendo bene. Sappiamo che in questo periodo abbiamo gare importanti contro grandi squadre quindi dobbiamo essere preparati»

 

Cosa manca per arrivare a quella Lazio che due anni fa arrivò terza?

 

«Secondo me possiamo fare bene, ogni campionato è diverso. Quest’anno siamo forti come due anni fa quando siamo arrivati terzi quindi ho tanta fiducia che possiamo tornare in Europa»

 

Ti senti migliorato?

 

«Si, ma si deve sempre migliorare e crescere, posso ancora migliorare su tutto ma soprattutto sui movimenti, la velocità. Mi sto allenando su questo»

 

Cosa pensi di Inzaghi?

 

«Secondo me è un bravissimo allenatore, è molto bravo come persona, tatticamente, sa come spiegarci cosa dobbiamo fare. A me piace molto lavorare con lui»

 

Su Hoedt…

 

«Noi parliamo spesso, siamo diventati amici anche perché siamo olandesi quindi è più facile comunicare. Secondo me è un bravissimo giocatore, è molto giovane e sta facendo benissimo questo periodo non gioca sempre ma arriverà una chance per lui».

Articolo precedente
Cagni: «La Lazio può arrivare in Europa. Contro la Samp attenzione a Quagliarella!»
Prossimo articolo
Chiesa: «Il derby è stato deciso da due errori individuali. Wallace? Continuerei a dargli fiducia»