Crotone, Falcinelli: «Spero di poter fare un percorso simile a quello di Immobile. Ero allo stadio quando segnò Calori…»

Lapadula Falcinelli
© foto www.imagephotoagency.it

Diego Falcinelli si racconta nel corso dell’intervista rilasciata quest’oggi a La Gazzetta dello Sport. L’attaccante del Crotone ha rilasciato queste dichiarazioni per elogiare la piazza calabrese con cui è esploso in Serie A sotto gli ordini di Davide Nicola: «Ho trovato un ambiente ideale, con un tecnico che crede in me. Mi sento cresciuto. Il Sassuolo mi ha preso tanto tempo fa e girato in prestito a tante squadre. Loro sono una società modello, ma qui a Crotone ci sono le basi per imitarli. Ottenere la salvez­za cambierebbe totalmente il nostro percorso».

Prosegue ancora Falcinelli, gettando uno sguardo alla lotta salvezza in fondo alla classifica: «Non credo che ci sia un mini torneo a 4 squadre per salvarsi. Qual­cuno può essere risucchiato. Sicuramente noi lotteremo fi­no alla fine, perché non è facile comandare sul nostro campo. Dobbiamo migliorare in tra­sferta, dove c’è un problema di personalità. Sogno azzurro? Penso e spe­ro di poter fare un percorso simile a quello di Ciro e di Belotti. I senatori della Na­zionale non sono eterni. Non è un assillo, ma rimane un obiettivo». Infine, Falcinelli, perugino doc, svela un aneddoto interessante: «Ero al­lo stadio, nel maggio del 2000, quando Calori segnò in mezzo al diluvio contro la Juve e la Lazio vinse lo scudet­to. Vedevo i giocatori come de­gli idoli e sono andato in curva nord per una vita. Spero di chiudere la carriera a Perugia».