Conferenza Sarri: le parole del tecnico dopo Napoli-Lazio
Connettiti con noi

Campionato

Conferenza Sarri: le parole del tecnico dopo Napoli-Lazio

Pubblicato

su

Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa al termine di Napoli-Lazio, gara vinta 0-1 dai biancocelesti

Maurizio Sarri è intervenuto in conferenza stampa al termine di Napoli-Lazio. La sua analisi:

GARA – «Quando fai partite contro squadre che hanno la forza del Napoli sono sempre sfide difficili. Dettare legge era difficile, difendere e basta era un suicidio. Quindi la richiesta era sia di grande applicazione in fase difensiva, ma anche personalità. Il gol è arrivato dopo una nostra fase di palleggio. Prima avevamo sofferto, poi abbiamo fatto una fase di palleggio e siamo andati in gol. L’aspetto importante era l’aspetto mentale, convincere i ragazzi che potevano venire qui a fare risultato. Sono entrati in campo convinti, e questo è già tanta roba. Champions? Dobbiamo essere umili, pensare alla Conference. Da qui ai prossimi tre mesi, vediamo».

PUNTI PERSI – «I punti li perdono tutti, escluso il Napoli che ne ha persi veramente pochi. Queste sono le partite in cui è più facile fare bella figura che brutta. Il Napoli è una squadra che gioca a calcio ma che ti fa anche giocare bene a calcio. Ci sono squadre contro cui giocare a calcio diventa difficile. Qualche punto l’abbiamo perso in maniera banale, ma si sta parlando di un paio di partite. Dal punto di vista della continuità abbiamo fatto passi in avanti enormi. Problema con la testa? Se vai a commentare l’Inter, dici Empoli, Bologna. È una storia di tutti».

RIVINCITA SUL NAPOLI – «Io in questa città ho lasciato qualcosa, anche se non siamo usciti con la vittoria finale. Non ho delle rivincite da prendermi, sono tre punti importanti perché abbiamo vinto con la squadra più forte del campionato, non per altro».

PIU BELLO IL SUO NAPOLI O QUELLO DI SPALLETTI – «Le bellezze sono molteplici. Non è che se ti piacciono le bionde, passa una bruna e dici che è brutta. La differenza è che questo Napoli andrà a vincere, lo invido moltissimo Spalletti. È stato un fenomeno lui, insieme alla società e al direttore sportivo, hanno avuto il coraggio di fare cose che altri club non hanno il coraggio di fare».

VECINO – «Vecino ha un’energia sotto tutti i punti di vista… mentale, fisico, nervoso, diventa dura lasciarlo fuori. Quando faccio la formazione, cerco di trovargli un posto in tutte le maniere. Per rendere al massimo in quella posizione, dovrebbe fare una serie di partite consecutive. Questo è un ruolo difficile, delicato».

SARRISMO – «Non s’è fatta una partita totalmente difensiva, il Napoli ti costringe nei 30 metri di campo. Non sono scelte, sono esigenze. Noi abbiamo fatto più tiri del Napoli nello specchio della porta. Se cambio in base agli uomini che ho? Abbiamo una squadra che non può avere le stesse qualità nel palleggio nello stretto del mio Napoli, magari ha altre qualità ma quello no, perlomeno non a quei livelli».

LAZIO COME IL NAPOLI – «Abbiamo iniziato un percorso. Andava rifondata, l’età media era alta, abbiamo iniziato un percorso di ringiovanimento. È un percorso lungo. Il Napoli ha fatto una serie di Champions consecutive. E questo ti dà tanto sotto l’aspetto economico, ti consente di avere più appeal agli occhi dei giocatori. A noi ci manca il centrare la Champions per un po’ di anni consecutivi e fare il definitivo salto di qualità».

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.