Comanda il Tifoso / Top&Flop di Lazio-Chievo: Caicedo illude. Milinkovic, errore imperdonabile!

Lazio-Chievo
© foto www.imagephotoagency.it

Comanda il Tifoso / Ecco i risultati del sondaggio sul migliore ed il peggior biancoceleste in campo in Lazio-Chievo

Lazio-Chievo / Brutta sconfitta per la Lazio che, nonostante fosse impegnata con il Chievo già retrocesso in Serie B, non riesce a recuperare il doppio svantaggio e chiude il match con zero punti ottenuti. A contribuire in modo decisivo sul risultato della gara, c’è indubbiamente il fallo commesso da Milkinkovic su Stepinski arrivato al 35′ e che gli è costato l’espulsione. La Lazio è stata dunque obbligata a giocare fino al 90′ in inferiorità numerica, perdendo fisicità e classe in mezzo al campo. Proprio la clamorosa ingenuità commessa dal ‘Sergente’ non è stata ‘perdonata’ da coloro che hanno votato nel sondaggio pubblicato sulla pagina Facebook di LazioNews24. Il centrocampista serbo, sebbene fosse stato messo ‘contro’ Patric, Durmisi e Marusic, ha ottenuto il titolo di ‘flop’ del match.

MIGLIORE – Ai tifosi capitolini è stato anche chiesto chi fosse stato il migliore del match, nonostante la prova decisamente opaca dall’armata di Inzaghi. Solamente Caicedo e Correa hanno guadagnato ampiamente la sufficienza, con il secondo che ha dato una svolta alla gara nel momento in cui è entrato in campo. L’ecuadoriano, invece, è riuscito ad andare in gol, riducendo le distanze con i gialloblù e permettendo ai compagni di credere fino alla fine nel pareggio. Proprio lui è stato votato dalla maggior parte dei tifosi ‘migliore’ in campo: «Umiltà e professionalità, un leone sempre per gli interi 90 minuti in ogni partita giocata. Correa classe e velocità. Pecca di inesperienza, ma ha sempre cambiato la partita con i suoi cambi di ritmo». Brutta battuta d’arresto per i biancocelesti che vedono allontanarsi in modo, probabilmente definitivo, il quarto posto e dunque la qualificazione in Champions. E dire che la Lazio avrebbe avuto la grande occasione di portarsi a -1 dal Milan, approfittando del passo falso dei rossoneri contro il Parma.