Canovi, agente Fifa: “Dietro la decisione di Bielsa c’è qualcosa di più grosso… Inzaghi sa di essere una seconda scelta”

© foto www.imagephotoagency.it

Dario Canovi, agente Fifa e grande esperto di mercato, ha parlato della situazione in casa Lazio ai microfoni de La Città: “In casa Lazio Inzaghi sarà pur felicissimo per questa panchina ma c’è consapevolezza di essere una seconda scelta. E questo non può fargli piacere. La Salernitana prende un allenatore a stagione già iniziata. Insomma, non parte benissimo. Se deve investire – sia chiaro, non solo in termini economici – lo farà sempre nella piazza che è in serie A. Parto dal presupposto che sono contrario a questa situazione di multiproprietà. Bisognerebbe dare più autonomia alla Salernitana, sarebbe a mio avviso giusto che le decisioni relative alla Salernitana non siano prese da chi è pure presidente della Lazio. Non è semplice gestire due club, anche se sono in categorie differenti. Bielsa? Non posso pensare che Bielsa abbia fatto un semplice capriccio. È vero che lo chiamano el Loco, ma per rifiutare una panchina importante come quella della Lazio devono esserci motivi seri. Bisognerebbe sapere cosa aveva assicurato e garantito il presidente a Bielsa perché quel che dice l’allenatore – e cioè di cedere almeno 18 giocatori – sta a significare che quel che era stato fatto l’anno scorso non andava bene. Avrà avuto il timore che le promesse fatte da Lotito non sarebbero state poi mantenute e non si sarebbe voluto ritrovare ad allenare una squadra senza gli elementi richiesti. È uno abituato ad allenare giocatori che gli piacciono, senza che siano però nemmeno dei fuoriclasse affermati”.