Calciomercato: Lazio, a Formello c’è un’altra squadra da sistemare

lombardi calciomercato lazio ritiro marienfeld
© foto S. S. Lazio

Poche entrate e tante uscite per la Lazio, che in questo calciomercato, dovrà sistemare prima tutti gli esuberi e poi concentrarsi sugli innesti

Una Lazio è quarta in classifica, un’altra ha atteso con trepidazione gennaio per ricominciare a giocare a calcio. Il calciomercato biancoceleste prevede prima le uscite e poi (forse) qualche entrata. Tanti sono i laziali in cerca di collocazioni, rimasti bloccati a Formello dopo la chiusura dell’ultima finestra di mercato.

ESUBERI – Iniziando dalla difesa, in cerca di una nuova sfida c’è Lorenzo Filippini, che nella prima settimana di Auronzo aveva ben impressionato e poteva addirittura strappare la conferma. Per l’ex Pisa probabilmente ci sarà un’altra avventura in Serie C o al massimo in B, senza scartare la pista estera. Avanzando a centrocampo c’è Joseph Minala, sedotto per un’estate intera e poi abbandonato. Per il camerunese è molto probabile un’esperienza in una serie A straniera. Discorso diverso invece per Cristiano Lombardi, anche lui corteggiato in lungo in largo e poi rimasto fuori rosa. La sua esclusione dalla lista della Serie A ha sorpreso in molti, considerando che la Lazio nello slot dei calciatori cresciuti nel proprio settore giovanile, ha inserito soltanto Strakosha e Cataldi, lasciando quindi due posti. Per l’esterno viterbese probabile sei mesi in prestito in una Serie B di vertice oppure in qualche squadra di Serie A. E poi c’è lui…L’esubero più pesante. Ravel Morrison. Un milione circa d’ingaggio e un’avventura a Roma mai decollata. L’inglese a sei mesi dalla scadenza dovrebbe trovare un club che lo acquisti a titolo definitivo, impresa quasi impossibile. La Lazio potrebbe anche decidere per la rescissione, come fatto pochi giorni fa con Perea (qui i dettagli). Inoltre non hanno fatto faville i vari calciatori già in prestito soprattutto alla Salernitana, dove Djavan Anderson e Di Gennaro sono due oggetti misteriosi. I due difficilmente resteranno in Campania fino al termine della stagione. Discorso diverso invece per Andrè Anderson, che con Gregucci ha disputato due gare da titolare. Ha conquistato il posto da 7 partite Marius Adamonis, numero 1 della Casertana. Il lituano è l’unico insieme a Simone Palombi a trovare regolarmente spazio. Da valutare anche la posizione di Mattia Sprocati, utilizzato con il contagocce a Parma.