Connettiti con noi

Hanno Detto

Brachini: «La soluzione sono i giovani. Decreto Crescita discriminatorio»

Pubblicato

su

Il super agente Brachini ha parlato delle attività di calciomercato delle squadre di Serie A e delle difficoltà che trovano a spendere

Giovanni Brachini, super agente di fama mondiale, in una intervista al Corriere dello Sport ha parlato delle attività di calciomercato delle squadre di Serie A.

MERCATO ITALIANO – «La soluzione sono i giovani, le intuizioni, la conoscenza, le competenze. Gli Abraham, più che i Lukaku. La mia è soltanto un’opinione, non entro nel merito dell’operazione, tuttavia dico che solo partendo dalle conoscenze specifiche si possono risolvere i problemi del calcio italiano. I giovani italiani hanno avuto problemi con il decreto crescita, perché è una norma discriminatori nei confronti dei calciatori italiani».

DECRETO CRESCITA«Quella norma è risultata discriminatoria nei confronti dei calciatori italiani. Soprattutto dei giovani: molti club, anche minori, hanno fatto ricorso alla fiscalità agevolata comprando quasi esclusivamente stranieri. Posso condividere la sostanza del decreto quando favorisce l’ingresso di campioni, non se diventa lo strumento per imbottire le squadre di stranieri di livello medio o basso che tolgono spazio ai nostri. I dati, quelli reali, sono impressionanti». 

CEDERE PER ACQUISTARE«Si devono creare i posti per i nuovi ingressi, e la colpa non è solo della pandemia. Se non si sbloccano alcune situazioni, i nostri club non possono operare». 

LEGGI L’INTERVISTA COMPLETA SU CALCIO NEWS 24