Connettiti con noi

Hanno Detto

Bertini: «Voglio fare bene in ritiro ma sul futuro non decido io»

Pubblicato

su

Bertini, centrocampista classe 2002, ha parlato al termine dell’allenamento delle sue sensazioni nel ritiro di Auronzo di Cadore

Marco Bertini, centrocampista classe 2002, si è intrattenuto ai microfoni di Lazio Style Radio per parlare delle sue sensazioni sull’andamento del ritiro estivo sotto la guida di Maurizio Sarri:

SU COME SI SENTE: – «Sto bene. Sono molto felice di essere qui. Sfrutterò al massimo quest’occasione allenandomi bene. Poi si vedrà che cosa succede».

SULL’ESORDIO IN A: – «È stato un sogno, un’emozione incredibile che non mi aspettavo. È un giorno che porterò sempre con me».

SUL RITIRO: – «Purtroppo la stagione con la Primavera è stata negativa. Ho saltato le vacanze e ciò non mi pesa perché sono molto contento di essere qui in ritiro».

SUL FUTURO : – «Non spetta a me la decisione. Io penso a lavorare ed allenarmi. Adesso penso al ritiro e poi vedremo cosa succederà».

SU CALORI: – «Ci parlo spesso e mi da consigli. Lui è qui per osservare e capire come funziona. Ci confrontiamo dopo gli allenamenti e parliamo molto di campo».

SUGLI ESEMPI A CENTROCAMPO: – «Osservo molto i centrocampisti. Sia le mezzali che i mediani. Posso solo imparare perché sono campioni con grande esperienza. Li guardo per poter diventare come loro. Li osservo in tutti gli ambiti. Sia in campo che fuori. La vita da professionista è difficile, bisogna fare tanti sacrifici ed essere sempre concentrati».

SULLA SFIDA AI TIRI – «Il primo è andato bene. Sul secondo ho sbagliato lo stop ed è stato bravo Adamonis».

SULLE SUE QUALITA’ – «Non saprei definire il mio punto di forza. Forse i lanci con il piede destro. Devo lavorare su velocità e rapidità».

SU SARRI – «È uno dei migliori in Italia e in Europa. Fa un gioco importante dove si muove la palla velocemente. Devo migliorare e crescere».

 

Advertisement