Connettiti con noi

News

Abbate: «Assurdo insultare Hoedt. Non arriverà un altro difensore»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Alberto Abbate ha commentato la gara di ieri della Lazio contro l’Atalanta e fatto il punto sul mercato biancoceleste

All’indomani della sconfitta della Lazio sul campo dell’Atalanta, Alberto Abbate – giornalista de Il Messaggero – ha analizzato la gara e fatto il punto sul mercato biancoceleste. Ecco le sue parole per Radiosei:

RAMMARICO – «Gara di ieri vissuta male, anche se l’eliminazione non è un dramma perché la Lazio deve puntare al quarto posto in campionato e le gare di semifinale sarebbero state un ostacolo in più. Lo stato della Lazio lo vedremo domenica; purtroppo quando si alza l’asticella si confermano i limiti di alcuni giocatori, penso anche a chi ieri era in centrocampo. Ieri i gol sono figli delle difese horror delle due squadre».

HOEDT – «La Lazio ha sì peccato di presunzione e superbia, non voglio colpevolizzare Hoedt, è stato sbagliato esaltarlo per gare normale perché l’olandese è questo, anche se ieri è andato completamente nel pallone. Fermo restando che è assurdo scrivere insulti sulla bacheca del giocatore, la critica c’è, non l’insulto. Il giocatore sono pagati per essere giudicati ma non possoro essere insultati».

STRAKOSHA – «Ha un problema al ginocchio, al momento trattato con terapia conservativa. Si parla di cartilagine perché l’arto tende a gonfiarsi, l’ultima carta resterebbe l’operazione. Bisogna anche considerare che, laddove la Lazio volesse sostituirlo, tra breve finisce il mercato. Un altro difrensore? Possibilità zero arrivi in questa sessione di trasferimenti».

Advertisement

News

Advertisement