Connettiti con noi

News

Abbate: «Assurdo insultare Hoedt. Non arriverà un altro difensore»

Pubblicato

su

Alberto Abbate ha commentato la gara di ieri della Lazio contro l’Atalanta e fatto il punto sul mercato biancoceleste

All’indomani della sconfitta della Lazio sul campo dell’Atalanta, Alberto Abbate – giornalista de Il Messaggero – ha analizzato la gara e fatto il punto sul mercato biancoceleste. Ecco le sue parole per Radiosei:

RAMMARICO – «Gara di ieri vissuta male, anche se l’eliminazione non è un dramma perché la Lazio deve puntare al quarto posto in campionato e le gare di semifinale sarebbero state un ostacolo in più. Lo stato della Lazio lo vedremo domenica; purtroppo quando si alza l’asticella si confermano i limiti di alcuni giocatori, penso anche a chi ieri era in centrocampo. Ieri i gol sono figli delle difese horror delle due squadre».

HOEDT – «La Lazio ha sì peccato di presunzione e superbia, non voglio colpevolizzare Hoedt, è stato sbagliato esaltarlo per gare normale perché l’olandese è questo, anche se ieri è andato completamente nel pallone. Fermo restando che è assurdo scrivere insulti sulla bacheca del giocatore, la critica c’è, non l’insulto. Il giocatore sono pagati per essere giudicati ma non possoro essere insultati».

STRAKOSHA – «Ha un problema al ginocchio, al momento trattato con terapia conservativa. Si parla di cartilagine perché l’arto tende a gonfiarsi, l’ultima carta resterebbe l’operazione. Bisogna anche considerare che, laddove la Lazio volesse sostituirlo, tra breve finisce il mercato. Un altro difrensore? Possibilità zero arrivi in questa sessione di trasferimenti».