Statistiche, Lazio attenta: dopo una sconfitta la Juventus non sbaglia

statistiche
© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus possiede diverse statistiche significative: dopo una sconfitta, i bianconeri non sbagliano approccio

I numeri possono essere spesso da campanello da allarme, spesso infatti gli allenatori fanno affidamento alle statistiche per capire cosa va sistemato della propria squadra. Se è vero che la Juventus in questa stagione ha dimostrato di non essere imbattibile come nelle passate stagioni, è anche vero che dopo una sconfitta si rialza subito in piedi. Domenica a Torino toccherà alla Lazio provare ad invertire la tendenza degli uomini di mister Allegri, che proprio contro i biancocelesti firmerà la gara numero 300 in Serie A. L’avventura, iniziata proprio con un Cagliari-lazio 1-4 nella prima gioranta della stagione 2008-2009, è stato un continuo miglioramento. I numeri in carriera non mentono, come riporta l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport: la percentuale di successi in campionato è salita dal 36,62% al Cagliari, fino al 55,64% con Milan (74 vittorie su 133 partite).

STATISTICHE DA PAURA – Quella con la formazione capitolina sarà la 96^ panchina con la società della famiglia Agnelli, che fin qui può dimostrarsi soddisfatta dei risultati ottenuti fino a questo momento: con la Juventus sono ben 73,68% i successi e soltanto 12 le sconfitte in queste ultime stagioni nei confini nazionali. Allo Stadium poi i Campioni d’Italia in carica vincono da 26 gare consecutive e quando perde, solo in trasferta, poi ne vince quattro di seguito. Il primo rovescio è giunto alla quarta giornata a San Siro contro l’Inter: dopo il filotto con Cagliari, a Palermo, Empoli e in casa con l’Udinese. Nuova sconfitta a San Siro col Milan e successive tre vittorie interne con Samp, Pescara e Napoli più la vittoria in casa Chievo. Il terzo scivolone arriva dalla batosta a Marassi col Genoa e a cadere in questo caso sotto i colpi bianconeri dopo furono l’Atalanta allo Stadium, il Torino nel derby allo Stadio Olimpico, quindi Roma e Bologna.