Stadio Olimpico, Lotito ottiene lo sconto, ora tocca a Friedkin: idea musei nelle curve

© foto www.imagephotoagency.it

Dallo sconto al rinnovo della concessione dell’affitto dell’Olimpico all’idea dei musei di Lazio e Roma nelle due curve. Ecco le anticipazioni de Il Messaggero sulla questione stadio.

Non c’è voce di bilancio che sfugga a Claudio Lotito. Non è certo passata inosservata quella relativa agli «oneri per la concessione in uso dello Stadio Olimpico, e delle strutture commerciali annesse». Una cifra che si aggira tra i tre e i quattro milioni di euro e che è composta per 2/3 da una parte fissa che comprende tutti i servizi in essere e per 1/3 variabile in base alle varie esigenze e alle richieste dei club. L’ultima stagione è stata condizionata dal Covid e dall’obbligo di giocare a porte chiuse. Per l’esattezza 5 gare delle ultime 12 la Lazio le ha giocate in casa senza i suoi tifosi. Ed è per questo che ieri Lotito ha trattato e ottenuto uno sconto da Sport e Salute che gestisce l’impianto. Così si legge nell’edizione odierna de Il Messaggero. Una lunga riunione con il presidente Cozzoli. Dopo un lungo braccio di ferro si è arrivati ad una cifra che si aggira intorno ai 300 mila euro. La prossima settimana sarà il turno anche della Roma. Sarà il neo presidente Friedkin in persona a recarsi all’Olimpico per conoscere la struttura, incontrare Cozzoli, presidente di Sport e Salute che materialmente la gestisce l’impianto e “trattare” anche lui uno sconto sulla stagione appena terminata. L’obiettivo è proporre un business plan pluriennale volto a valorizzare lo stadio Olimpico. Tra le varie proposte c’è quella di aprire l’impianto ai normali cittadini tutta la settimana consentendo dei tour guidati. Dei percorsi con delle guide specializzate che consentano di visitare anche tutto il parco del foro italico con tutta la sua preziosa architettura. E per fidelizzare ancor di più i tifosi delle due squadre si sta pensando di creare due piccoli musei, in Curva Nord per la Lazio e in Curva Sud per la Roma. Chiaramente con un biglietto d’ingresso una cui percentuale finirà nelle casse delle due squadre. Il percorso intrapreso è già a buon punto e non è escluso che per i primi di ottobre si possa già firmare il nuovo accordo.