Rigore Cionek, Guida combina la frittata: il difensore ammette la simulazione – VIDEO

Spal-Lazio
© foto www.imagephotoagency.it

In sequenza l’azione che ha portato all’assegnazione del penalty alla Spal

Al di là del risultato, della sconfitta e dei punti persi dalla Lazio quanto successo nel finale è decisamente surreale. Ricorda vagamente quella famosa partita in cui Miro Klose, con tutta l’onestà che lo ha fatto diventare un campione, disse all’arbitro che il gol era da annullare perchè lui l’aveva toccata con la mano. Bene all’epoca dei fatti il Var non c’era e quindi dopo un’ ammissione di colpa il direttore di gara non poteva fare altro che annullare il goal. Oggi c’è il Var e quindi la sostanza cambia eccome perchè è proprio Cionek a dire all’arbitro che “No non è rigore”, che l’abbia fatto perchè già diffidato aveva paura dell’ammonizione? Possibile. Perchè in effetti il contatto non c’è stato? Probabile, rimane però il fatto che nonostante l’ammissione del difensore l’arbitro sia comunque andato a rivederlo al Var e nel dubbio ha dato il rigore alla Spal.