Scudetto 1915, avv. Stagliano: «Non date quel titolo alla Lazio!»

scudetto 1915
© foto www.imagephotoagency.it

L’avvocato Stagliano accusa il collega Mignogna e spiega perchè lo Scudetto 1915 non deve essere assegnato alla Lazio

Il sedicente Avvocato Mario Stagliano, noto tifoso della Roma, stamattina ha scritto una lettera al quotidiano Il Tempo, ricostruendo la vicenda del campionato 1915 e affermando che la Lazio non ha diritto a richiedere quello Scudetto: «Caro direttore, era il 2015, esattamente cento anni dopo l’inizio di quell’evento terrificante che Papa Benedetto XV avrebbe definito “L’inutile strage”, quando un valente avvocato romano, di dichiarata fede laziale, iniziava ad interessarsi di quella che sarebbe divenuta in poco tempo la crociata per l’assegnazione dello scudetto 1915 alla compagine biancoceleste. A chiunque avesse sfogliato un almanacco Panini, non era certo sfuggita quella incomprensibile assegnazione del titolo a favore del Genoa F.C., avvenuta a cinque anni dalla disputa di un campionato che si era interrotto dopo l’entrata in guerra dell’Italia, avvenuta il 24 maggio 1915. In quel momento, come aveva ricostruito con esattezza storica il bravo avvocato romano, la situazione era totalmente in divenire, anche se la stampa, pur occupandosi principalmente del conflitto appena insorto, pronosticava l’assegnazione del titolo al Genoa».

LA STORIA E L’ACCUSA – Occorre precisare che il discorso Scudetto in quegli anni riguardava totalmente le squadre del nord Italia, in particolare il triangolo industriale composto da Piemonte, Lombardia e Liguria. Solo nel 1913, con un complesso sistema di gironi eliminatori formati su basi territoriali, il torneo venne allargato, ma fu soltanto l’eccezione che confermò la regola: finali del 1913 e del 1914, se è vero, come è vero, che la finalista (la Lazio in entrambe le occasioni) perse, il primo anno, in gara unica sul campo neutro di Genova, per 6 a 0 dalla Pro Vercelli ed il secondo anno per 7 a 1 in trasferta e 2 a 0 in casa contro il Casale. Nel 1915 però la storia andò diversamente, il torneo fu interrotto per la chiamata dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale: «I gironi eliminatori vennero fermati, con atto d’imperio comunicato a mezzo telegramma ai direttori di gara, quando si doveva giocare l’ultima giornata. In quel momento, nel girone settentrionale, il Genoa era in testa con 7 punti, seguito da Torino ed Internazionale con 5 punti e Milan con 3; l’ultima giornata prevedeva la disputa delle gare Genoa-Torino ed Internazionale-Milan. A contendersi la vittoria finale, pertanto, erano ancora Genoa, Torino ed Internazionale. Nel girone centrale, invece, la sospensione venne sancita quando, ad una giornata dalla fine, la Lazio era in testa con 8 punti, seguita da Roman e Pisa con 6 punti eLucca con 0. Il Lucca, però, contro cui la Lazio avrebbe dovuto disputare l’ultima gara, per problemi economici, aveva rinunciato ed è pertanto corretto dire che la squadra biancoceleste doveva già considerarsi la vincente del girone. Restava il girone meridionale, composto da sole due squadre, l’Internazionale Napoli ed il Naples ed è sulle vicende di questo raggruppamento che si sono consumate argomentazioni fallaci, utilizzando parziali ricostruzioni giornalistiche ed inducendo in errore grossolano la c.d. commissione dei saggi. Internazionale Napoli e Naples avevano già disputato le loro due gare, terminate con il risultato di 4 a 1 a favore dell’Internazionale Napoli e di 1 a 1. Nella prima delle due gare, però, disputatasi il 18 aprile 1915, avevano partecipato due calciatori senza averne titolo. […] La gara venne disputata il 16 maggio 1915, con la vittoria dell’Internazionale per 3 a 0. Questa realtà storica, tra le tante fonti, viene confermata da innumerevoli pubblicazioni, come ad esempio, quella del 20 febbraio 1943 -XXI “Storia avventurosa del Calcio Italiano” e quella a cura di Vincenzo Baggioli, Storia anedottica dello sport italiano, stampata nel 1944, alla pagina 114). Ma quello che più conta, è come la circostanza fosse nota al valido avvocato Mignogna in quell’estate del 2015, quando la sua pretesa di riconoscimento del titolo alla Lazio (sponsorizzata dal volo di aeroplani sul litorale romano e dalla raccolta di 30.000 firme sulla piattaforma change.org) si basava sul sicuro successo contro l’Internazionale Napoli, stante l’inconsistenza della compagine partenopea. […] La Commissione, invece di svolgere indagini autonome o di delegare ad uffici amministrativi della F.I.G.C. i necessari compiti di acquisizione della documentazione, richiede chiarimenti sul contenuto dell’istanza di assegnazione dello scudetto ex aequo alla S.S. Lazio per la stagione 1915 proprio all’Avv. Mignogna, magna pars di tutta la vicenda. Nelle more, tramite i siti vicini alla tifoseria laziale, era stata diffusa la notizia dell’ avvenuto ritrovamento di nuova, decisiva documentazione. Sta di fatto che il proponente allegava un proprio dossier composto da ritagli parziali di articoli di giornale dell’ epoca, commentati ad uso proprio. Questo dossier, nella quarta pagina recava la fotocopia del ritaglio di un articolo che sarebbe apparso su “L’Italia Sportiva” di lunedì 3 maggio 1915 avente come titolo “L’incontro Interna Caso Nel bollettino della Figc si legge che la gara disputata il 18 aprile 1915 tra l’Internazionale Fc di Napoli e il Neaples è stata annullata perché i giocatori Pelizzone Filippo e Jean Steigher vi hanno partecipato “in posizione irregolare, e cioè senza tessera né provvisoria autorizzazione federale”». Il caso si accende, adesso si aspetta la risposta dell’avvocato Mignogna. Strano però che Stagliano inizi ad interessarsi di tema di cui è totalmente estraneo, è l’inizio di un derby che stavolta sarà disputato nelle aule della Figc.