Sassuolo, Peluso sul rigore: «Il regolamento parla chiaro, è stata una svista!» – VIDEO

Al termine della rocambolesca partita contro la Lazio, il giocatore del Sassuolo Peluso ha analizzato il match, soffermandosi sul rigore

Si è da poco conclusa la sfida tra Lazio e Sassuolo. L’armata di De Zerbi era ad un passo dalla vittoria dopo aver rimontato il momentaneo svantaggio, ma in pieno recupero ha subito il gol di Lulic, che ha riportato la gara in parità. Ha fatto discutere la decisione dell’arbitro Abisso di concedere il calcio di rigore in favore dei biancocelesti per il tocco di mano di Locatelli. Federico Peluso, difensore classe ’84, ha detto la sua sull’episodio ai microfoni dei cronisti presenti in sala stampa: «Sicuramente è una partita che lascia l’amaro in bocca. Venire a Roma, affrontare una partita non facile e non portare a casa i tre punti, dispiace. Purtroppo negli ultimi minuti loro attaccavano in tanti, buttavano palle per le spizzate ed abbiamo preso gol. Rigore? Abbiamo protestato, penso che il regolamento parli chiaro. Se la palla tocca prima un’altra parte del corpo e poi la mano non è rigore. Ne prendiamo atto, secondo noi è stata una svista. Noi l’abbiamo vista in un modo, l’arbitro l’ha interpretata in un altro. Ci dispiace, credo che il regolamento sia chiaro».