Roma, scritte antisemite contro la Lazio: e la stampa rimane in silenzio – FOTO

© foto Instagram @ss.lazio.calcio

Lazio – Nuove scritte antisemite nella Capitale: questa volta sono protagonisti i tifosi della Roma, ma la stampa non ne parla

Questione di goliardia probabilmente, ma a questo punto ormai nulla può passare inosservato. Nelle ultime ore si è scatenata la ‘fantasia’ dei tifosi giallorossi presso le vie più trafficate della Capitale. Su un muretto in zona Trieste, stazione metro di Piazza Annibaliano, è apparsa una scritta: «Roma città, Lazio ghetto», frase accompagnata dal disegno di una Stella di David (simbolo che rappresenta la religiosità ebraica). Mentre sulle testate giornalistiche la situazione viene ignorata, sui social i fans biancocelesti gridano allo scandalo ricordando il trattamento riservato nei loro confronti circa un anno fa per l’episodio delle figurine di Anna Frank. Ecco un messaggio che si legge su Instagram: «Mendicano al solito, in replica, ma senza lo stesso effetto, l’attenzione che invece i media hanno riservato alla Lazio ed ai suoi sostenitori. Oltretutto poi, e questo è il vero dato, ignorando delle assolute evidenze storiche che vogliono, e non so perché si risentano, massimi esponenti della comunità ebraica romana fra i fondatori del pasticcio nato nel 1927. Chi fa da se fa per tre. La stampa non dirà nulla, non si griderà allo scandalo, né allo sdegno. Non avverrà nulla di tutto ciò. Secondo me, non vi prendono sul serio. Sarà perché vi conoscono, o perché non valete veramente niente?».

View this post on Instagram

Nel mentre proseguono le iniziative all'insegna della goliardia nella città di Roma. Dopo gli adesivi del dopo Roma-Bologna, che ovviamente hanno prodotto tonnellate di sdegno nell'opinione pubblica, si scatena la fantasia dei fans giallorossi per le arterie più trafficate della città eterna. Questa è la stazione Metro di piazza Annibaliano, zona Trieste. Mendicano al solito, in replica, ma senza lo stesso effetto, l'attenzione che invece i Media hanno riservato alla S.S.Lazio ed ai suoi sostenitori. Oltretutto poi, e questo è il vero dato, ignorando delle assolute evidenze storiche che vogliono, e non so perché si risentano, massimi esponenti della comunità ebraica romana fra i fondatori del pasticcio nato nel 1927. Chi fa da se fa per tre. La Stampa non dirà nulla, non si griderà allo scandalo, né allo sdegno. Non avverrà nulla di tutto ciò. Secondo me, non vi prendono sul serio. Sarà perché vi conoscono, o perché non valete veramente niente? 🖋Roberto de Sanctis #mammaraimacomemai #giornalistiterroristi #ebreioffesiintermittenti #permalosecomunita #romamerda #spqr1900 #sslazio #romashit #ss.lazio.calcio #derbydellacapitale #eaglessupporters #laquilaèroma #romacaputmundi #dalmillenovecento #lasquadrachehaportatoilcalcioaroma #polisportivalazio #piazzadellalibertà #rione #pionieri #noibiancocelesti #volalaziovola #sogiaduore #questoèiltempodivivereconte #ilcorrieredellasera #corrieredellosport #ilmessaggero #lagazzettadellosport #ilromanista #comunitaebraica #ebrei

A post shared by SS.LAZIO.CALCIO🌀 #romashit (@ss.lazio.calcio) on

SPALLETTI-LAZIO: ECCO COSA E’ SUCCESSO A FINE PARTITA

Articolo precedente
Il rimpianto dei talenti mai sbocciati: ecco l’unico ex biancoceleste nella Top20
Prossimo articolo
De Biasi: «Champions obiettivo possibile per la Lazio». Su Strakosha…