Roma-Lazio, l’altra faccia del derby: quando un gol ‘inutile’ può rivelarsi ‘importante’

© foto www.imagephotoagency.it

Il derby di sabato è stato vinto dalla Roma, ma il gol segnato dalla Lazio potrebbe rivelarsi fondamentale ai fini della classifica finale

Vince la Roma e sopravanza in classifica gli eterni rivali della Lazio. Dopo un primo tempo equilibrato i giallorossi fanno propria la partita approfittando di due ingenuità di Bastos. Brava comunque la Lazio a rimettersi in carreggiata e a restare dentro il match fino al triplice fischio di Rocchi. Sopratutto a segnare il gol del 2-1, apparentemente inutile ai fini del risultato finale, ma che potrebbe fare una differenza enorme alla fine del campionato. Infatti l’aver accorciato le distanze in uno scontro diretto potrebbe rivelarsi una notizia positiva in vista della gara di ritorno. Il campionato italiano sta vivendo un’annata di grandissimo equilibrio, ogni scontro diretto viene deciso da dettagli ancor prima che da episodi e niente bisogna essere lasciato al caso. Attualmente la differenza reti della Roma è di +15, mentre quella della Lazio è di +18 (entrambe devono recuperare una partita). In virtù di un eventuale vittoria per 1-0 o per 2-1 nella gara di ritorno, qualora le distanze restassero di 2 o 3 punti, i biancocelesti potrebbero restare davanti, potendo contare su una ipotetica miglior differenza reti generale. Discorso troppo prematuro? Assolutamente no se si tiene in considerazione che la Roma tendenzialmente conclude le partite con meno gol di scarto rispetto alla Lazio, dunque alla lunga è facilmente ipotizzabile che la squadra di Inzaghi riuscirà ad avere un differenziale più alto tra gol segnati e subiti. Il gol di Immobile non ha permesso alla prima squadra della Capitale di vincere il derby, ma se si guarda a più ampio raggio, quella rete potrebbe valere un posto nella prossima Champions League.

Articolo precedente
tavecchioTavecchio: «Lotito è una persona per bene» e il patron della Lazio risponde…
Prossimo articolo
inzaghiCaro Simone, altro che Di Francesco. A incartartela è stato Bastos