Primavera – Battere il Brescia per scrivere la storia

primavera
© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio Primavera cerca il nono successo consecutivo in campionato per ottenere un nuovo record

Per la Primavera, quella di oggi, è la prova del nove. La Lazio ha centrato 8 vittorie consecutive ed è ad un solo successo dalla striscia-record biancoceleste. Vero che la missione è a portata di mano, al Fersini arriva il Brescia, fanalino di coda del girone, ma allo stesso tempo non si deve scendere in campo con la certezza matematica di aver già ottenuto i 3 punti prima del fischio d’inizio. Le ‘Rondinelle’ non hanno ancora mai vinto una partita in trasferta (2 pareggi e 6 ko), mister però Andrea Bonatti (nativo proprio di Brescia) non si aspetta nessun regalo. Le ambizioni, nel calcio, mettono da parte i sentimenti, come sottolineato dal Corriere dello Sport, c’è da continuare a correre per un posto diretto alle Final Eight. Spareggi Scudetto che ad inizio stagione non erano nei piani della Lazio, squadra partita per fare la comparsa, ora invece in testa al raggruppamento. L’obiettivo è di rimanerci: al momento la classifica dice +4 sulla Fiorentina, +5 sulla Sampdoria e +8 sul Verona. Mancano 8 giornate al termine della regular season e c’è un bel vantaggio da poter gestire: bisogna posizionarsi tra le prime due per evitare le fatiche e i rischi dei play off. Il lavoro finora svolta è di quelli promettenti: sono stati racimolati 42 punti dopo 18 giornate di campionato (una media di 2,33 a partita), ne bastano altri 5 per pareggiare il conto di quelli ottenuti lo scorso anno sotto la guida di Inzaghi e Santoni. La Lazio chiuse al quarto posto dietro a Roma, Palermo ed Empoli, poi venne eliminata proprio dai toscani nella partita secca dei play off. Il turno, favorevole sulla carta, deve diventare agevole pure sul campo e il turnover, in casi del genere, può alimentare le motivazioni. Baxevanos è pronto e può esordire dal 1’, Rossi è la certezza. Il bomber ha superato un affaticamento all’adduttore, è di nuovo in forma. La sua ultima rete un mese fa, nonostante ciò i numeri sono rimasti straordinari: 18 gol in 15 presenze. Servono i suoi gol per far sognare i compagni.

PROBABILE FORMAZIONE LAZIO (4-4-2): Adamonis; Spizzichino, Miceli, Baxevanos, Ceka; Bezziccheri, Cardoselli, Folorunsho, N’Diaye; Al Hassan, Rossi. A disp.: Alia, Petro, Spurio, Rezzi, Bari, Portanova, Javorcic, Muzzi. All.: Bonatti.

Articolo precedente
barriere olimpicoBarriere in curva: iniziati i lavori per la rimozione parziale
Prossimo articolo
Lulic, jolly della Lazio e numeri da top player