Pescara, Legrottaglie: «Non ci hanno fatto fare i tamponi, la vita è la priorità»

© foto @CalcioNews24

Nicola Legrottaglie, tecnico del Pescara, ha commentato la scelta di far scendere in campo i suoi giocatori con la mascherina

L’Emergenza Coronavirus sta dilagando nel mondo del calcio. E mentre i pareri dividono chi vuole lo stop del campionato e chi propone soluzioni alternative, il Pescara ha svolto il riscaldamento del pre partita con il Benevento, indossando le mascherine. Una mossa scelta dall’allenatore – Nicola Legrottaglie – spiegata così, come riportato da SportMediaset:

«Abbiamo cercato di dare un segnale perché abbiamo detto di avere avuto tredici casi di influenza e non ci hanno fatto fare i tamponi. Quello che volevamo era dire: ‘Guardate che il problema c’è e forse si sta sottovalutando’. Abbiamo fatto il minimo che potevamo fare, la priorità è quella della vita. Se si fermasse il campionato per tre settimane, non si potrà più riprendere in modo normale. Ma in ogni caso, anche se lo stop dovesse protrarsi per 3-4 mesi, non succederebbe nulla: chi ama la vita sarà d’accordo. Anzi, avremo la possibilità di curarci e aiutare chi ha bisogno».