Le pagelle di Pescara-Lazio: Parolo stratosferico, Felipe imprendibile

felipe anderson
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Pescara-Lazio, gara vinta dagli uomini di Simone Inzaghi con un rotondo 2-6 fuori casa

Tutto facile o quasi per la Lazio che passa a Pescara con un roboante 2-6. Eroe di giornata è Marco Parolo, autore di un poker (un record per la sua carriera). Buona anche la prova di Felipe Anderson, a tratti imprendibile per i suoi avversari. Ritorno con goal per Keita Baldé, subito decisivo al rientro dalla Coppa d’Africa.

Marchetti 6: Non irresistibile in occasione del tiro di Kastanos dal quale nasce il goal di Benali. Si riscatta pochi minuti più tardi parando un calcio di rigore a Caprari. Nulla può sulla volée di Brugman, lasciato libero di colpire indisturbato.

Basta 6: Buona gara del serbo che non vive particolari pericoli e si limita a contenere le poche incursioni abruzzesi, accompagnando molto spesso lo sviluppo della manovra.

de Vrij 6: Gara relativamente tranquilla per il centrale olandese che rischia il minimo indispensabile e non ha responsabilità sui goal ospiti.

Hoedt 6: Sempre sicuro quando gioca al fianco del connazionale de Vrij. Unico neo il fallo con cui stende Zampano in area di rigore.

Lukaku 6: Gioca tutta la partita, lui che sarà il titolare nel primo dei due derby di Coppa Italia. Dopo tanto tempo ai box ha bisogno di incamerare minuti e ritmo partita. Meglio nel primo tempo che nella ripresa, nonostante il pallone perso che causa il rigore di Hoedt.

Parolo 8: Una giornata semplicemente da incorniciare per il centrocampista di Gallarate autore di addirittura quattro goal. Tre li segna con la testa, uno con un piattone a volo. Chi lo possiede al fantacalcio, oggi, vorrà dedicargli un totem. Lui di sicuro racconterà questa giornata ai nipotini.

Biglia 6,5: Prestazione ordinata dell’argentino che prova a far ragionare la Lazio soprattutto nel momento di maggiore difficoltà. Determinante nel battere rapidamente il calcio di punizione da cui nasce il 2-3 laziale. Dal 79′ Murgia: sv 

Milinkovic 6: Non si vede come nelle scorse partite ma si fa trovare presente al momento giusto, ossia in occasione del 2-3 di Parolo, quando arpiona un pallone laterale e colpisce la traversa che propizia il tap-in del compagno di squadra.

Felipe Anderson 7: Inizia molto bene servendo a Parolo l’assist per il primo goal di Parolo. Sulla sua corsia Biraghi è in costante apprensione. Secondo tempo di grande spessore fatto di serpentine e suggerimenti per i compagni. Gli manca solo il goal.

Immobile 6,5: Primo tempo opaco per l’ex della partita. Nella ripresa per fortuna si riaccende servendo l’assist del 2-4 a Keita e firmando personalmente il quinto goal. Esce raccogliendo l’applauso scrosciante dei vecchi tifosi.

Keita 6.5: Ritorno in campo con goal per il senegalese che dimostra subito quanto è importante per questa squadra. Dal 66′ Lulic 6: Ingresso in campo positivo per il bosniaco che oggi riposava. Buona mezz’ora di gioco per lui

Inzaghi 6: Può festeggiare la larga vittoria ma deve lavorare ancora sull’aspetto mentale dei suoi ragazzi. Il blackout con i due goal di vantaggio è una di quelle situazioni che contro una grande squadra si rischia di pagare a caro prezzo.

Articolo precedente
paroloParolo: «Non dimenticherò mai questa giornata. Keita? Serve la giusta umiltà»
Prossimo articolo
tounkaraTounkara: «Amo la Lazio e i suoi tifosi. Ringrazio il mister per l’esordio»