Le pagelle di Lazio Rennes: Milinkovic e Luis accendono la luce, Immobile risolve

Le pagelle di Lazio-Rennes, terminata 2-1 grazie alle reti di Milinkovic e Immobile

STRAKOSHA: Non viene chiamato in causa praticamente mai. Nulla può sul gol del Rennes. VOTO: 6

VAVRO: Rischia un rigore in avvio, ma Boiko fa proseguire. Dalla sua parte c’è un cliente scomodo come Niang. Nella ripresa Inzaghi lo sposta al centro, la sua prestazione però non migliora. Troppo insicuro. VOTO: 5.5

ACERBI: Anche lui come Vavro rischia di causare un penalty quando la palla gli carambola sul braccio. L’arbitro non lo sanziona e lascia proseguire. Il solito leader, non ne salta e non ne sbaglia una. Quando Inzaghi lo sposta a sinistra spinge come un terzino. VOTO: 6.5

BASTOS: In costante crescita, è oramai una sicurezza. Difende con attenzione e quando vede il varco giusto si butta in avanti. Tuttocampista. VOTO: 7

LAZZARI: Troppo timido, non riesce mai a superare il suo diretto avversario. Può e deve fare di più. VOTO: 5.5

PAROLO: Fino ad ora era stato uno dei più positivi di questo avvio di stagione. Stasera fa registrare un passo indietro rispetto ai suoi standard. Tanto impegno, poca lucidità. VOTO: 5.5

CATALDI: Boiko lo sanziona ingiustamente con un giallo in avvio di gara. Quel cartellino lo condizionerà per tutta la gara; tuttavia la sua punizione è l’unico tiro verso la porta del Rennes in tutto il primo tempo. VOTO: 5.5 (DAL’ 52′ LUIS ALBERTO: Entra e cambia la gara. Il passaggio per il pari di Milinkovic porta la sua firma. Indispensabile. VOTO: 7)

BERISHA: Ha tanta voglia di fare bene e si vede, non riesce però ad incidere. Mostra tutta la sua personalità cercando anche giocate difficili in un momento delicato per lui. Continua a non migliorare. VOTO: 5 (DAL’ 52′ MILINKOVIC: Entra e sbaglia subito lasciando Morel libero di colpire di testa in occasione del gol. Si fa perdonare 10 minuti dopo pareggiando e al 75′ quando serve ad Immobile l’assist per il sorpasso. Con lui e Luis Alberto la Lazio ha tutto un altro piglio. VOTO: 7.5)

LULIC: Inzaghi non ci rinuncia nella gara probabilmente più importante del girone. Il capitano approccia bene la gara ed è uno dei più positivi del primo tempo. Esce stremato nel finale dopo qualche errore di troppo. VOTO: 5.5 (DAL’L ’81’ JONY: s.v.)

CAICEDO: Un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni. Soffre nel primo tempo, migliora nella ripresa senza però incidere. VOTO: 5.5

IMMOBILE: Così come Caicedo non disputa una delle sue migliori partite, ha però il merito di segnare un gol tanto difficile quanto importante. Con la sua capocciata riporta la Lazio alla vittoria in Europa dopo sei partite. VOTO: 7

INZAGHI: Manda in campo un centrocampo inedito e il risultato è un primo tempo impalpabile. Corre ai ripari ad inizio ripresa e la musica cambia. Con una partita ogni tre giorni non poteva fare altrimenti. Fondamentale anche il cambio di posizione dei tre centrali. VOTO: 6.5