Milan, le fideiussioni fantasma di Biglia e Bonucci: l’argentino torna alla Lazio? Ecco tutta la verità…

bossi
© foto Milan Tv

Fideiussioni fantasma e la mancata convocazione in Europa League di Biglia e Bonucci: ecco tutta la verità

Negli ultimi giorni hanno fatto molto discutere le mancate convocazioni in casa Milan di Leonardo Bonucci e Lucas Biglia per i play-off di Europa League. Si è parlato addirittura di trasferimenti saltati, con entrambi giocatori che sarebbero tornati alle squadre di appartenenza. Si tratta però, solo di leggende metropolitane. Se si analizza nel dettaglio la situazione, la verità è che sia Bonucci che Biglia non sono stati convocati per problemi di natura burocratica, ma i loro trasferimenti non sono in ‘pericolo’.

FIDEIUSSIONI FANTASMA – I contratti dei due giocatori sono depositati, ma le norme federali stabiliscono che se questo saldo cessioni-acquisti è negativo, allora la società deve versare entro l’11 agosto il 20% della rata relativa al 2017-18 e dare garanzie per il resto della somma. Invece in caso di impegni ufficiali prima dell’11 agosto (come è accaduto al Milan impegnato in Europa League, ndr) il tutto doveva essere fatto con qualche giorno di anticipo. Ma sembra proprio che la dirigenza rossonera si sia fatta trovare impreparata e il tutto è stato posticipato di qualche giorno.

NUOVA PROPRIETA’ – La situazione è stata spiegata meglio anche dal giornalista de Il Sole 24 Ore, Carlo Festa, che ha precisato che entro l’11 agosto le fideiussioni saranno regolarmente depositate. Yonghong Li, dopo essere stato sostenuto da soggetti cinesi nell’acquisto del Milan, si è dovuto confrontare con la realtà delle banche italiane. Quando il club era di Fininvest, essa aveva una serie di istituti vicini e dunque non c’erano problemi. Adesso invece con la nuova proprietà le banche italiane chiedono maggiori garanzie. Sempre secondo Festa, nel caso in cui le fideiussioni (circa il 40% del valore delle transazioni su Bonucci e Biglia) non arrivassero, il Milan garantirà le operazioni sui due acquisti con il ricavato del bond emesso a Vienna e sottoscritto da Elliott Management Corporation. Morale della favola: Biglia e Bonucci restano al Milan, e tifosi di Juventus e Lazio possono dormire sonni tranquilli.