Lukaku, un anno e mezzo dopo si riparte dal minuto 61’

formello
© foto www.imagephotoagency.it

Jordan Lukaku dopo oltre un anno di inattività ieri sera è tornato in campo e ha fatto la differenza nella gara del Franchi

Torna indietro. Riavvolgi il nastro. Stop. Vai avanti fino al minuto 61’ di una serata di ottobre al Franchi. Quasi un anno e mezzo dopo la rinascita di Jordan Lukaku. Lui che è entrato di diritto nella storia biancoceleste per quell’assist a Murgia che ha fatto alzare al cielo la Supercoppa, lui che in queste prime nove giornate non ha giocato neanche sessanta secondi. Due operazioni alle ginocchia l’hanno portato quasi via dalla Capitale. Fortuna che il Newcastle l’ha rispedito a casa dove oggi ha dimostrato di valere molto più di quanto si è detto in tutti questi mesi. Per un giocatore che non scende in campo da oltre un anno ciò che ha fatto stasera Lukaku dimostra quanto possa fare il duro lavoro, la fatica e il talento.

Inzaghi gli dà fiducia, rischia, lo fa entrare un in match difficile come quello di questa sera contro Chiesa e compagni. Lui non delude, va oltre: serve l’assist perfetto per la rete del vantaggio di Immobile. Di più, si procura anche il rigore che poi batterà Caicedo. Tutto questo in poco meno di mezz’ora , dopo un anno e mezzo fermo ai box.

La Lazio ha saputo aspettarlo, Lukaku ha risposto presente ed è una gioia per Inzaghi, per i tifosi, per chi riesce a rialzarsi dopo un periodo negativo. Sorride Inzaghi, ora la strada per il belga è tutta in discesa.