Luis Alberto, l’ag: «Ha un livello da top player! Mercato? Il Siviglia è molto attento, ma in Europa…»

Napoli-Lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Alvaro Torres, agente di Luis Alberto, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport a qualche giorno da Napoli-Lazio

A qualche giorno da Napoli-Lazio, Alvaro Torres – direttore dell’agenzia che gestisce Luis Alberto e Fabian Ruiz – ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport. Di seguito le dichiarazioni sullo spagnolo biancoceleste: «Luis Alberto sta giocando molto bene nelle ultime partite, ed è molto motivato. Sa cosa andrà ad affrontare: il Napoli, la Juve e poi lo spareggio in Europa League contro il Siviglia, club in cui è stato formato. Infortuni? Gli hanno impedito in alcune partite di essere al suo vero livello, ma ha lavorato sodo per riprendersi bene. Si è allenato mattina e pomeriggio, ha passato molto ore col fisioterapista e ora è tornato ad un livello competitivo. E’ convinto che sarà importante per la Lazio in questa seconda parte della stagione».

INZAGHI«La visione del gioco di Luis Alberto è incredibile, pochi giocatori ce l’hanno, vede lo sviluppo dell’azione due secondi prima degli altri e realizza un’esecuzione molto veloce. Questo lo rende diverso, è puro talento. Immobile gli è davvero grato, così come tutti gli attaccanti che gli hanno giocato accanto. Inzaghi gli ha instillato fiducia e gli ha dato la consapevolezza. Ha un livello da top player, ci crede».

IMPATTO SERIE A«La ragione è chiara. Ogni giocatore che cambia club negli ultimi giorni di trattative ha solitamente avuto un mercato complicato e una preparazione fisica complicata col suo club. Luis Alberto aveva trascorso un’estate faticosa con il Liverpool. Monchi aveva fatto una buona offerta al Liverpool nel mese di luglio. Abbiamo passato molto tempo con quella proposta sul tavolo, ma il Liverpool ha chiuso quella possibilità e per Luis, dal punto di vista mentale, è stato difficile. Arrivare alla Lazio ad agosto ha richiesto un tempo di adattamento più lungo. Verso la fine della stagione, però, ha dimostrato un buon livero e nel precampionato successivo ha dimostrato a Inzaghi che il suo posto era nella Lazio e che sarebbe stato un giocatore importante. Nell’ultima stagione è stato uno dei migliori giocatori della Serie A e ha ottenuto la convocazione della nazionale spagnola. Ora ha fiducia e sa che giocando al suo livello ci tornerà prima o poi».

MAGO«A volte sembra faccia le magie, gli avversari seguono la palla da una parte e improvvisamente li ha già superati e ha dato l’ultimo passaggio. Sì, gli piace quel soprannome. Arrivo a Roma? Tare conosceva Luis Alberto, avevamo parlato di lui già negli anni precedente e all’inizio dell’estate 2016, ma in quel periodo il prezzo del Liverpool era proibitivo per la Lazio. Siviglia? Sarà un’emozione tremenda per lui giocare di nuovo al Pizjuan. Si è formato a Siviglia e ha la sua casa a Siviglia. Sua moglie e i suoi figli sono di Siviglia, i suoi grandi amici anche. E’ molto motivato per giocare questa parttia a Siviglia e lo farà bene. E’ entusiasta e convinto che la Lazio possa eliminare il Siviglia. Mercato? Il Siviglia è sempre stato molto attento a Luis, è molto amato a casa sua».

CHI VINCERA’«Come sempre, quando si affrontano giocatori che rappresentiamo, diciamo che il risultato non dipende da ciò che vogliamo noi. Che vinca il migliore e che tutti e due possano giocare una grande partita».

Articolo precedente
Calciomercato Lazio, Djaló sta per sfumare: Milan pronto allo scippo
Prossimo articolo
Napoli-Lazio, parere negativo dell’Osservatorio: oggi il Casm chiuderà la trasferta