Allarme infermeria, turnover con l’Udinese: preoccupa Immobile

lazio
© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio deve fare i conti con alcuni problemi di condizione, Inzaghi valuta il turnover di diversi calciatori titolari in vista dell’impegno di Coppa Italia con la Roma

Pochi calciatori si sono visti allenare sui campi di Formello ieri. All’appello mancavano quasi tutti i titolari perché acciaccati, convalescenti o preservati, effetti di una rosa qualitativamente ristretta, che a lungo andare si avvertono. L’allarme in casa Lazio suona per Ciro Immobile, è tornato dalla trasferta di Empoli con i muscoli sovraccarichi. L’ex Torino è a riposo da due giorni, oggi riprenderà a lavorare gradualmente e sarà valutato nelle prossime 48 ore. Inzaghi potrebbe anche decidere di risparmiarlo contro l’Udinese per averlo in condizione per il derby con la Roma di mercoledì prossimo in Coppa Italia. Il rischio affaticamento è alto per uno che nel 2017 ha saltato solo la sfida col Chievo Verona per squalifica. Come sottolinea il Corriere dello Sport, per l’incontro di domenica prossima coi friulani è pronto Filip Djordjevic, già messo in preallarme.

ALLARME CONDIZIONE – Lo stress fisico di molti big hanno indotto allenatore, staff tecnico e medico a predisporre una ripresa dei lavori più lenta rispetto al solito, perciò è stato concesso riposo a gran parte della truppa. Oltre Immobile, sono seguiti con particolare attenzione de Vrij e Milinkovic. L’olandese è rimasto in panchina a Empoli, il centrocampista serbo ha invece recuperato in extremis da uno stiramento. Tutti e tre potrebbero riposare in ottica derby, assenze che darebbero vita ad un ampio turnover per il match con l’Udinese: Marchetti non è al trauma per ub distorsivo al ginocchio destro, cui ha fatto seguito una gastroenterite. Strakosha ci sarà contro l’Udinese e forse anche contro la Roma; Hoedt e Wallace, con de Vrij in stand-by, formerebbero nuovamente la coppia centrale. Basta ieri s’è allenato, al Castellani aveva stretto i denti (fastidio ai flessori), è il più pronosticato a destra. Stesso discorso a sinistra per Radu, nonostante un colpo fortuito rifilatogli da Tounkara, è a disposizione. A centrocampo va considerata l’assenza di Biglia per squalifica, spazio dunque per Murgia, affiancato da Parolo e Lulic. Felipe Anderson e Keita Baldé aspettano di sapere solo chi sarà la punta centrale del tridente. I conti vanno fatti, una settimana lunghissima attende i biancocelesti: prima l’Udinese, poi la Roma in Coppa Italia, infine il Bologna in posticipo il 5 marzo. La Lazio arriva a questo filotto di gare in condizioni davvero precarie, avendo già messo in cantiere le assenze di Radu, Patric e Lulic nel derby (tutti squalificati).

Articolo precedente
Asse Lazio-Mendes: tutti i possibili colpi di calciomercato
Prossimo articolo
«Dalla scuola allo stadio», Djordjevic: «Sogno un altro gol al derby». De Vrij: «Ammiro Nesta e Stam»